laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Sviluppo Economico | Regione Liguria, 20 milioni di euro in arrivo per ricerca e innovazione

Più informazioni su

GENOVA – Approvati oggi dalla giunta regionale, su proposta dell'assessore regionale allo Sviluppo economico Edoardo Rixi, due bandi da 10 milioni di euro ciascuno di finanziamenti di Fondi Por Fesr 2014-2020 per la ricerca industriale, lo sviluppo sperimentale e l'innovazione delle imprese liguri. “Entrambi i bandi prevedono una soglia di finanziamento a fondo perduto, una misura che pensiamo possa servire alle imprese, anche quelle di piccole e piccole dimensioni, per innovarsi e quindi anche per rilanciare la competitività tecnologica di settori portanti dell'economia regionale oltreché della sicurezza, anche dal punto di vista idrogeologico, del territorio” ha dichiarato l'assessore regionale Rixi. Entrambi i bandi prevedono due periodi di apertura per la presentazione delle domande da parte delle imprese: il primo dal 12 al 29 aprile e il secondo dal 15 al 30 settembre. “Così permetteremo alle aziende una più efficace programmazione della realizzazione degli interventi dando tempi certi per l'accesso ai contributi entro l'anno in corso e consentendo anche alle imprese, rimaste escluse nella prima finestra, di avere una risposta celere e di utilizzare eventualmente la seconda finestra” ha spiegato l'assessore regionale Rixi.

Il primo bando da 10 milioni di euro è destinato al finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, a fondo perduto da un minimo del 25 a un massimo del 70%. Il 60% dei fondi sono destinate alle micro, piccole, medie e grandi imprese, di cui il 30% specificatamente alle micro e piccole. Tra le finalità del bando: la promozione dello sviluppo di nuovi prodotti, processi e servizi innovativi. Dei 10 milioni di dotazione del bando, 4,5 milioni sono destinati a progetti di sicurezza e qualità della vita nel territorio, 3 milioni per tecnologie del mare e 2,5 milioni per la salute e scienze della vita.

Il secondo bando da 10 milioni di euro – a fondo perduto per il 50% – è rivolto alle imprese (micro, piccole, medie e grandi) in forma singola o associata (forma cooperativa o consortile) che realizzino iniziative finalizzate all’introduzione di prodotti, processi o servizi nuovi o migliorati dal punto di vista tecnologico, produttivo e organizzativo.

Più informazioni su