laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Crispezia Hockey Sarzana crolla in casa contro i vicentini del Trissino

Più informazioni su

I ragazzi del mister Alessandro Cupisti hanno giocato portando in pista tutta la determinazione e l’orgoglio possibile ma nulla hanno potuto contro la superiorità della squadra trissinese che affonda l’Hockey Sarzana, portandosi a casa tre punti e ricominciando così a sognare la zona play-off. Si complica, invece, il percorso verso la salvezza per i rossoneri che, con questa settima sconfitta consecutiva, restano fermi in classifica a quota 12 punti patendo la pressione dell’incubo retrocessione.

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA – GS HOCKEY TRISSINO 2 – 5 (1 – 4)

CARISPEZIA HOCKEY SARZANA: F. Dolce (1), O. Raed, E. Di Donato, J. Amat, L. Sterpini, And. Perroni, M. Pistelli, F. Rossi(1), S. Corona, Ale. Perroni.
Allenatore: A. Cupisti.

HOCKEY TRISSINO: C.Bertinato (2), M.Pallares (1), M.Pasquale, M.Oruste (1), E.Randon, A.Greco(1), A.Rigo, M.Arnaez, F.Lorenzato, E.Nicoletti.
Allenatote: D.Rigo.

Arbitri: Da Prato (LU), Giovine (SA).

Il match vede il Trissino passare subito in vantaggio al minuto 2.02 grazie al suo “alfiere” e capitano Carlo Bertinato e, nei successivi dieci minuti, le azioni non mancano sia dall’una che dall’altra parte: al settimo minuto il portiere rossonero Simone Corona si prodiga prima in una grande parata su un tiro dei blucelesti che si sarebbe altrimenti insaccato alle sue spalle, poi negando a Maxi Oruste il raddoppio, parando un rigore assegnato alla formazione del Trissino. I padroni di casa rispondono con Amat che tenta la “bordata” da metà campo senza centrare, anche se di poco, la porta avversaria e con Dolce che però non coglie un’occasione ghiottissima attorno al nono minuto di gara. Al decimo minuto di gara qualche disattenzione di troppo permette a Pallares di liberarsi dalla marcatura e di segnare il 2 a 0 con un potente tiro in diagonale.
Le squadre schierate in campo sembrano cambiare registro: i ritmi si smorzano e inizia una fase di “studio” reciproco. A 17 minuti e 30 secondi di gioco il capitano rossonero Luca Sterpini viene espulso con il cartellino blu e i vicentini approfittano della situazione di power-play per allungare le distanze e Greco segna il 3 a 0. Il Sarzana non si perde d’animo e reagisce quasi subito quando Dolce porta a termine una pregevole azione innescata da Amat, segnando così il 3 a 1. Maxi Oruste, a due minuti dalla fine, ristabilisce le distanze segnando il quarto gol per il Trissino al termine di un’azione personale.
Nel secondo tempo la squadra allenata dal Mister Rigo si chiude e impone i suoi ritmi. Il Carispezia fa davvero fatica ad emergere; le occasioni più concrete per la formazione padrona di casa si sviluppano dai tiri da fermo: Amat colpisce un palo quando va a battere il tiro di punizione per il decimo fallo commesso dai trissinesi e Rossi guadagna una punizione da una posizione interessante che, però, l’argentino Raed non riesce a portare a buon fine. A 10 minuti e 40 secondi è nuovamente Bertinato, il Capitano bluceleste, a incrementare il vantaggio sui padroni di casa, segnando il 5 a 1. La partita ormai pende unicamente a favore del Trissino. Ribaltare il risultato è impossibile ma i ragazzi di Cupisti provano a segnare fino alla fine: a meno di cinque minuti dalla fine i rossoneri prendono d’assedio la porta difesa da Edy Nicoletti con una serie di conclusioni che sfortunatamente sfociano in un nulla di fatto. Il gol arriva soltanto a 12 secondi dalla fine e porta la firma di “Chicco” Rossi. Carispezia Hockey Sarzana 2, Hockey Trissino 5.

Già alla fine del primo tempo si poteva immaginare quale delle due formazioni avrebbe tenuto le redini della partita fra le mani, ciò nonostante la formazione dei padroni di casa non si è data mai per vinta ed ha continuato a combattere fino alla fine.
Sabato prossimo i rossoneri saranno in trasferta a Lisbona per disputare il match di ritorno dei quarti di coppa CERS. Là il Sarzana dovrà sfoggiare ben più della sola perseveranza (che sarà comunque una dote assai gradita) per tenere quantomeno testa ai portoghesi dello Sporting Lisbona forti di un risultato (2 a 8 al Vecchio Mercato) che difficilmente i liguri potranno ribaltare.

Più informazioni su