laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Inaugurata la nuova sede della P.A. LUNI realizzata dalla Fondazione Carispezia

Più informazioni su

LA SPEZIA – La Fondazione Carispezia ha consegnato questa mattina, sabato 5 marzo, alla Pubblica Assistenza Luni l’ex Casa Cantoniera situata lungo la via Aurelia al confine tra i Comuni di Castelnuovo Magra e Ortonovo. Hanno presenziato alla cerimonia, tra gli altri, Matteo Melley, presidente della Fondazione, Daniele Montebello e Francesco Pietrini, sindaci dei due Comuni, Pietro Messina, presidente della P.A. LUNI, mons. Luigi Ernesto Palletti, vescovo della Diocesi di La Spezia-Sarzana-Brugnato, e Mario Lubatti, prefetto della Spezia.


La Fondazione aveva acquisito l’edificio nel 2013 dalla Provincia della Spezia con un investimento di circa 295 mila euro con il quale l’Amministrazione provinciale aveva versato i contributi arretrati dovuti alla Fondazione Promostudi, che gestisce il Polo Universitario Spezzino. Tale intervento, oltre a consentire un’importante valorizzazione di un immobile pubblico che non aveva trovato altri acquirenti, rientra negli investimenti della Fondazione destinati a realizzare strutture per servizi socio-assistenziali, il più importante dei quali è il Polo Riabilitativo del Levante Ligure, gestito dalla Fondazione Don Gnocchi, nonché l’immobile in via Brugnato alla Spezia destinato dalla Caritas diocesana ai più bisognosi.


La Pubblica Assistenza Luni potrà così disporre di una nuova sede operativa adeguata, grazie all’intervento di ristrutturazione dell’edificio, dismesso da molti anni, che consentirà di migliorare il livello complessivo dei servizi erogati a favore degli abitanti di Castelnuovo Magra e Ortonovo.
Un intervento quanto mai attuale in un momento in cui lo stesso Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo sta avviando un piano per il recupero delle Case Cantoniere a sostegno dello sviluppo turistico e culturale del territorio italiano, riconoscendo il loro valore di immobili di particolare interesse.


L’edificio della ex Casa Cantoniera di Dogana di Ortonovo è un fabbricato testimoniale realizzato nei primi anni del ‘900 e successivamente modificato e ampliato nel dopoguerra.  L’intervento di ristrutturazione, progettato dall’architetto Davide Basilio, ha avuto come obiettivo principale il rinnovamento e l’adeguamento a fini socio-assistenziali dell’edificio, preservando tuttavia gli aspetti architettonici che lo rendono di particolare pregio: è stata ripristinata l’originaria tonalità di colore delle facciate; sono state restaurate le insegne A.N.A.S.; sono state recuperate le antiche capriate e travature in legno.
Internamente l’edificio è stato suddiviso in una zona pubblica al piano terra e una privata al piano superiore. La prima, accessibile mediante rampe per disabili, include la reception, due ambulatori medici, una sala d’attesa centrale e servizi igienici. La seconda, caratterizzata dall’antica struttura del tetto in legno a vista, dispone di un’ampia sala polifunzionale dalla quale si accede all’ufficio amministrativo, al dormitorio per i turni notturni, allo spogliatoio per il personale e ai servizi igienici. Il tutto si completa con il recupero dell’ampia corte circostante, adibita a parcheggio e a giardino. Quest’ultimo in particolare, oltre ad accogliere siepi, alberature e pergolati, potrà contenere in futuro un ulteriore fabbricato di circa 30 mq, da utilizzare nell’ambito di manifestazioni e iniziative rivolte alla popolazione e nel campo del volontariato.


Con questo intervento, la Fondazione Carispezia risponde quindi ad un’esigenza socio-sanitaria e assistenziale del territorio della Val di Magra, recuperando nel contempo un edificio testimoniale dal degrado in cui versava da oltre 20 anni.


Più informazioni su