laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Arcola in Piazza: i volontari donano mille euro per la Scuola Primaria di Baccano

Più informazioni su

LA SPEZIA – Il Gruppo di volontari che organizza le feste estive di Arcola in Piazza, dona mille euro per la Scuola Primaria di Baccano, e così in questi giorni bambini ed insegnanti si sono visti arrivare il pacco dono: ventiquattro banchi e ventiquattro sedie nuove di zecca. La quota mancante, pari a circa altri mille euro, è stata sostenuta dall’Amministrazione Comunale, che ha curato anche l’acquisto sul Mepa (Mercato elettronico delle Pubbliche Amministrazioni).

“Abbiamo lavorato sodo per tutta l’estate – commentano gli amici dei martedi in piazza – e la partecipazione della cittadinanza alle nostre feste serali è stata entusiasmante, ci sembrava giusto fare qualcosa a favore della comunità. Siamo un gruppo di amiche e amici, senza alcuna appartenenza politica, proveniente da esperienze e mondi diversi, con una passione comune: fare festa, divertirci e far divertire gli altri. Facciamo tutto senza alcun fine di lucro e una volta coperte le spese, il resto lo doniamo in beneficienza. L’anno scorso abbiamo sostenuto alcune spese per la ristrutturazione della canonica della Chiesa di San Nicolò e quest’anno invece abbiamo voluto pensare alla Scuola di Baccano.”

Soddisfazione arriva anche dall’Amministrazione Comunale, il Sindaco Emiliana Orlandi ha inviato una nota di ringraziamento al gruppo: “Sono proprio le iniziative come queste, realizzate con tenacia ed entusiasmo, che spesso si trasformano in preziose occasioni a vantaggio di tutta la Comunità. L’Amministrazione comunale non mancherà di sostenere tutte queste Associazioni o gruppi spontanei che continuano a lavorare a favore della Comunità.”

Analoghe dichiarazioni di ringraziamento da parte del Dirigente scolastico Antonio Fini: “purtroppo negli ultimi anni la scuola pubblica non è rimasta immune alla spending review da parte del governo nazionale. Interventi che sono costati cari a chi la scuola statale la vive quotidianamente, come gli insegnanti e, soprattutto gli studenti che passano almeno sei ore al giorno sui banchi di scuola per costruirsi un futuro migliore. Queste iniziative sono una preziosa boccata di ossigeno e meritano tutto il plauso da parte delle Istituzioni”

Più informazioni su