laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Tarros: primo match ball contro il Cus

Più informazioni su

Mercoledì 16 marzo al PalaSprint gara 2 dei playoff. In caso di vittoria i bianconeri passano il turno, se sarà sconfitta tutto rinviato a sabato sul parquet genovese

LA SPEZIA – Serenità e determinazione: sono queste le parole chiave individuate dal coach bianconero Luca Martini in vista del match che domani vedrà nuovamente di fronte Tarros e Cus Genova. Un match che può valere per i bianconeri la vittoria delle semifinali playoff ed il passaggio del turno.
Dopo il successo ottenuto in gara 1 sabato scorso a Genova, infatti, i ragazzi di Presidente Caluri hanno la possibilità di chiudere la pratica semifinali evitando gara 3, con grande risparmio di energie fisiche e mentali.

Servirà vincere al PalaSprint, qui dove appena una decina di giorni fa i biancorossi fecero sfigurare i padroni di casa. Ma quella era la brutta copia della Tarros, ben diversa dalla squadra vista sul parquet dei cussini in gara 1.

“Sappiamo che la partita di mercoledì sarà molto difficile perchè il Cus è, oltrettutto, all'ultima spiaggia: in caso di sconfitta sarebbe fuori. Ce la metterà quindi davvero tutta. Noi, però, d'altra parte, vorremo davvero non dover affrontare gara 3 perchè questo ci permetterebbe di evitare “la bella” dove, si sa, la tensione può giocare brutti scherzi, e ci permetterebbe anche di avere un po' di tempo in più per preparare la finale. Partite così ravvicinate non sono semplici da preparare – prosegue il tecnico bianconero – In questi giorni ci siamo concentrati sulle imprecisioni della scorsa partita e sul gioco corale”.

Per gara 2 coach Martini avrà a disposizione tutti i suoi ragazzi.

Appuntamento mercoledì 16 marzo alle ore 20.30 al PalaSprint, arbitrano Amerigo Medda di Savona ed Andrea Bassoli di Genova.

Nonostante il turno infrasettimanale, ed anche la concomitanza con la partita della Juve in Champions League, la speranza è quella di vedere un PalaSprint pieno e molto caldo, per trascinare i propri ragazzi alla tappa successiva di questa lunga corsa.

Più informazioni su