laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Frana Favale di Malvaro. Giampedrone: partiti questa mattina i lavori in somma urgenza

Più informazioni su

GENOVA – Hanno preso il via questa mattina i lavori in somma urgenza per togliere i massi pericolanti e consentire l’apertura di un accesso carrabile per il transito, a orari, di macchine e mezzi, sulla frana che si è abbattuta la notte scorsa a Favola di Malvaro, in località Pessa, lasciando isolate 50 persone.  Ne dà l’annuncio l’assessore regionale alla Protezione civile e alle Infrastrutture, Giacomo Giampedrone, dopo la riunione svoltasi ieri in Regione alla presenza dei tecnici.

“Nel giro di poche ore il sindaco di Favale, Ubaldo Crino – spiega Giampedrone – ha individuato la ditta che eseguirà i lavori per la prima messa in sicurezza e per l’apertura di un varco. Ci auguriamo che il tutto avvenga nel più  breve tempo possibile, per poi procedere con la progettazione della messa in sicurezza definitiva”. L’assessore Giampedrone ha rinnovato l’appello all’Ordine degli Ingegneri e dei Geologi affinché possano mettere a disposizione del Comune di Favale le loro competenze per la progettazione e il successivo intervento di intervento di sistemazione definitiva. Nel frattempo la Protezione civile regionale si è messa a disposizione del Comune di Favale per un servizio di approvvigionamento quotidiano di generi di prima necessità a favore delle persone rimaste isolate. Anche la Croce Rossa di Cicagna darà il suo contributo per accompagnare a eventuali visite mediche già programmate e attraverso un centro  di primo soccorso già installato, al di là della frana. Allertati dal Comune anche i Vigili del Fuoco che potranno così essere d’aiuto.

“Sono molto soddisfatto dell’aiuto e della collaborazione ricevuti in questa occasione dalla Regione Liguria e dall’assessorato alla Protezione civile – ha sottolineato il sindaco di Favale Ubaldo Crino – grazie alle risorse finanziarie che stanzierà la Regione e al supporto dei suoi tecnici, siamo riusciti a intervenire nel migliore dei modi a soli due giorni di distanza dalla frana”.

Più informazioni su