laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il commento – Un Passaparola per ognuno di noi…

Più informazioni su

Coreografia in Curva Ferrovia – Foto Patrizio Moretti 

Un passaparola deciso, ognuno di noi può e deve farlo con amici, parenti, conoscenti. Un invito a smuovere coscienze di passioni addormentate, un invito a partecipare a qualcosa che potrebbe rivelarsi straordinario per il calcio di questa città

Nella selvaggia Era dei “social”, di Sky e di Mediaset Premium, chissà se avrà molto senso quello che andremo a scrivere di qui in avanti.
Poche altre volte la squadra della nostra città ha vissuto la vigilia di una partita casalinga importante come quella contro il Trapani in ottica futura, che può valere molto più dei tre punti in palio e di un terzo posto cosi a portata di mano. Un terzoposto in serie B, cosi vicino che sembra ancora, per certi versi, incredibile.
Lo scriviamo e lo sottolineiamo ancora una volta, in caso di vittoria e di un ipotetico inciampo del Novara, lo Spezia agguanterebbe il terzo posto.
In serie B.

Una città intera è chiamata, sabato, a dare una spinta importante, una spinta che potrebbe essere benzina fondamentale nel serbatoio di una squadra che sta viaggiando col vento in poppa da tempo e che meriterebbe la vicinanza di quanti più sportivi di ogni età e genere.
Se, a differenza di qualche tempo fa, anche le locandine di questa città parlano poco dello Spezia, locandine che un tempo richiamavano spesso l’attenzione stessa sulla presenza al “Picco”, pure in campionati e in momenti non esaltanti…

Se anche l’era “social” e l’avvento sempre più preponderante delle televisioni a pagamento ha allontanato parte del pubblico dagli spalti del “Picco“, adagiandoli su un freddissimo divano… se pure ci si è messa qualche legge restrittiva a togliere colore, calore, voglia di fare tifo e presenza, crediamo sia venuto ora il momento giusto per trascinare quanta più gente allo stadio con un semplice ma decisopassaparola.
Ognuno di noi può e deve farlo con amici, parenti, conoscenti. Un invito a smuoverecoscienze di passioni addormentate, un invito a partecipare a qualcosa che potrebbe rivelarsi straordinario per il calcio di questa città.

L’intento non è quello di riavvicinare gli “occasionali“, semmai è quello di farstringere tutta, ma proprio tutta la città sportiva attorno a questa squadra per quel che sta facendo sul campo in un palcoscenico cosi importante, magari accelerando una spolverata sul cuore degli appassionati di vecchio corso che, per un motivo o per l’altro, si sono allontanati da tempo, adagiandosi magari sul divano e tornando allo stadio solo l’ultimo mese per il rush finale, a pochi metri dal traguardo.
E’ l’ora di tornare allo stadio almeno un mese prima, di riempire con decisione quella curva che sembra sempre “poco” piena, e farlo ora, prima dell’ultimo mese.
E’ l’ora, anche e soprattutto, di avvicinare quanti ancora non hanno addosso questa fede, perché potrebbe essere il momento buono per accendere in loro unascheggia bianca.
E’ il momento di un passaparola comune in città, aiutati anche, magari, da politiche societarie incentrate a gremire lo stadio di passione in queste ultime, decisive settimane. Senza aspettare, come detto, l’ultimo mese.

Una squadra cosi, una società cosi, una forza cosi, questa città non l’ha mai avuta e, colpevolmente, non lo percepisce fino in fondo.
Il sole inizia a scaldare, la posta in palio è sempre più importante e tra le mani abbiamo un giocattolo che sta funzionando a meraviglia.
Manca solo, e ci spiace constatarlo per l’ennesima volta, il “giusto” catino. Che sia la volta buona? Facciamo tutti qualcosa di più affinché sia cosi.

Dennis Maggiani – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su