laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

DLTM: «Assegnare al DITEN le risorse richieste»

Più informazioni su

Documento deliberato all’unanimità dal CDA del DLTM in merito ai corsi di Ingegneria Navale e Nautica.

Il CDA del DLTM

Preso atto

1) Che la situazione dei corsi di laurea di Ingegneria Navale a Genova e Ingegneria Nautica alla Spezia è oggi particolarmente critica e si aggraverà a breve termine a causa del prossimo pensionamento di tre docenti e della scadenza nel 2017 del rapporto a tempo determinato dei 3 ricercatori impiegati nella didattica alla Spezia, finanziati 2 da Promostudi attraverso il socio Fondazione Carispezia e 1 dal Distretto Ligure delle Tecnologie Marine, con un impegno complessivo pari a € 450.000;

2) Che il DM 78 dando attuazione a un programma straordinario di reclutamento di Ricercatori a tempo determinato di Tipo B, prevede per l’Ateneo di Genova l’assegnazione di 18+2 posti con un finanziamento complessivo 2016-2017 pari a circa € 2M;

3) Che il polo navale del DITEN ha chiesto all’Ateneo 3 ricercatori per gli anni 2016-2017 per stabilizzare la posizione dei 3 ricercatori in scadenza nel 2017;

4) Che il CDA dell’Ateneo, a seguito della richiesta, ha deliberato la messa a disposizione di un solo posto da ricercatore, peraltro vincolato ad un altro posto da finanziarsi da parte del DITEN che, a causa della situazione attuale, non è nella condizione di accogliere la proposta del CDA;

5) Che Ingegneria Navale e Ingegneria Nautica ad oggi contano più di 1000 iscritti di cui circa il 50% provengono da altre regioni d’Italia;

6) Che l’Economia del Mare ha importanti ricadute in termini di PIL e di occupazione per la Liguria e l’intero paese;

7) Che tale importanza è stata recepita da Regione Liguria con l’istituzione del Distretto Ligure delle Tecnologie Marine, l’identificazione a livello europeo della Smart Specialization “Tecnologie del Mare”, con l’investimento di €11M dal fondo FSC per la riconversione dell’ex Ospedale Militare Bruno Falcomatà e la realizzazione del Polo Marittimo destinato ad ospitare  il Polo didattico spezzino e il DLTM;

8) Che il progetto per la creazione del Polo Marittimo è stato condiviso dal Ministero della Difesa, dal Ministero dell’Università e della Ricerca, dalla Regione Liguria, dal Comune della Spezia, dall’Università di Genova, dal Distretto Ligure delle Tecnologie Marine e da Promostudi La Spezia, che in data 07/04/2014 hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per la sua attuazione;

chiede

Al Rettore dell’Ateneo, Prof. Paolo Comanducci ed al CdA dell’Ateneo di modificare le decisioni assunte, assegnando al DITEN le risorse richieste. Chiede inoltre al Sindaco del Comune della Spezia, in qualità di soggetto attuatore del succitato progetto, l’urgente convocazione del tavolo dei sottoscrittori, allo scopo di individuare ed assumere tutte le iniziative da mettere in atto per garantire la continuità e il consolidamento dei corsi di laurea di Ingegneria Navale e Ingegneria Nautica, a condizione indispensabile per la realizzazione del Polo Marittimo.

Più informazioni su