laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La gara ciclistica, una bella medaglia ma con il suo risvolto

Più informazioni su

Ben venga l’evento ma sono ancora troppi i disservizi ad esso legati

LA SPEZIA – Al vincitore della Granfondo disputata ieri sarà spettata una medaglia, la quale ha avuto però – e come sempre – un suo risvolto, che ha lasciato l’amaro in bocca a molti, e non parliamo dei corridori che speravano nella vittoria.
Senza mettere in dubbio la bontà dell’evento sportivo l’edizione 2016 della corsa ciclistica ribadisce, come ogni anno, che la kermesse comporta diversi problemi di viabilità, lavoro e sicurezza per moltissime persone. Problemi che ogni anno vengono evidenziati e sollevati all’Assessore al Commercio ed alla Viabilità ma che puntualmente si ripropongono mettendo cittadini ed imprenditori in secondo piano e molto spesso in difficoltà.
Anche quest’anno, infatti, come ogni anno, la gara ha portato alla chiusura totale al traffico della zona collinare della città della Spezia, bloccando residenti e domiciliati nelle proprie case e non permettendo ai ristoratori della zona collinare di poter svolgere il proprio lavoro, oltretutto in una giornata – quella della domenica – in cui l’incasso è importante e serve per contrastare la crisi e l’abusivismo. Senza tralasciare il fatto che assicura il pagamento delle tasse e degli stipendi dei dipendenti.
Come ogni anno sono state date informazioni ad abitanti e lavoratori, informazioni inerenti gli orari e le modalità della viabilità. Informazioni che però non hanno trovato poi riscontro nella realtà, dato che le strade non sono state riaperte come o quando avrebbero dovuto. Un fatto gravissimo, dato che nessuno ha potuto muoversi o giungere ai colli, nonostante da regolamento della corsa la viabilità possa essere riaperta 25 minuti dopo il passaggio della testa della corsa, come recita il Comunicato stampa del comune –basato anche sul Codice della Strada- e quindi si pensa il regolamento di gara.
Quindi abitanti quasi sequestrati in casa e ristoranti vuoti (incasso di circa 70 euro): senza considerare che anziché essere stata richiesta una convenzione o una sinergia con gli operatori, al termine della corsa i corridori hanno trovato un servizio di ristorazione al centro Allende… Oltre il danno la beffa.
Si penserà quindi alla ricaduta sui posti letto, vista la migliaia e più di sportivi iscritti. Così non è stato –come confermano Federalberghi ed ANBBA (l’associazione di Confcommercio che rappresenta più di 100 tra B&B ed Affittacamere)-, dato che non è stata richiesta una convenzione nemmeno ai B&B o affittacamere o hotels del centro città o della periferia. Visto che per stessa ammissione dei corridori è meglio in questi casi svegliarsi un po’ prima, gareggiare e poi ripartire verso casa.

Roberto Martini
Direttore Provinciale Confcommercio

Più informazioni su