laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il fumettista pluripremiato Craig Thompson incontra i lettori di Spazio 32

Più informazioni su

Domenica 10 aprile

LA SPEZIA – Uno dei più importanti autori del graphic novel contemporaneo, il pluripremiato fumettista statunitense Craig Thompson sarà a La Spezia il 10 aprile, alle ore 18.00, a Spazio 32 – biblioteca della Fondazione Carispezia, in via D. Chiodo 32 – per presentare il suo ultimo graphic novel Polpette Spaziali (Rizzoli Lizard), e i libri che gli sono valsi i più importanti riconoscimenti del mondo del fumetto (Harvey Award, Eisner Award, Ignatz Award): Blankets, Habibi, Addio Chunky Rice. Opere che hanno rivelato il segno unico del suo autore: tagliente, commuovente, universale.
 
Cresciuto in un’area rurale del Wisconsin, Craig Thompson ha consacrato la sua fama a livello internazionale soprattutto con il graphic novel autobiografico Blankets (Coconino Press, 2003), romanzo di formazione che affronta l’educazione sentimentale del protagonista in una ristretta comunità di cristiani oltranzisti. Nominato graphic novel dell’anno 2003 da Time, Blankets ha contribuito ad abbattere i confini fra letteratura scritta e disegnata: “È un fumetto – scrisse il critico Arnold D. Arnold -, ma anche un grande romanzo americano”.

Polpette spaziali, coloratissima avventura cosmica popolata di alieni bizzarri e spettacolari astronavi, è anche la cronaca acuta e tagliente del nostro fragile mondo. Si tratta di un’opera di sci-fi lunga oltre 300 pagine, a cui l’autore dei bestseller Blankets e Habibi lavorava dall’autunno del 2012. Il fumetto, inoltre, è colorato dal pluripremiato colorista Dave Stewart (Hellboy). Una storia per tutte le età, ambientata in un futuro remoto ma familiare, Polpette spaziali affronta temi ricorrenti nelle opere di Thompson: la famiglia, l’amicizia, la lealtà.

Le altre opere di Thompson includono Addio Chunky Rice (1999) – volume di debutto dell’autore, vincitore nel 2000 del Harvey Award per la migliore opera prima -, e Habibi (2011), una “storia delle storie” d’ispirazione araba, degna delle Mille e una notte.

Più informazioni su