laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mercato del lavoro: offerte in crescita, ecco le professioni più richieste in Liguria

Più informazioni su

GENOVA – In base alle ultime statistiche, sembra che la nostra regione sia tra quelle con crescita occupazionale maggiore. Con un 20%, a fronte di una media nazionale dell’8, primeggiamo tra le regioni del nord, in positivo su tutte e quattro le province, in primis Genova. Oltre quattromila assunzioni previste per i prossimi mesi, con una concentrazione di principali figure professionali come cuochi e camerieri nel settore dei servizi ed ingegneri per quanto riguarda il settore metalmeccanico.
 
Nonostante la critica situazione che stanno attraversando anche gli ingegneri nel nostro Paese, resta una delle professioni che offre maggiori opportunità di crescita ed affermazione. Gli studenti che scelgono di iscriversi ad un corso più specializzato e ottenere una laurea come questa in ingegneria meccanica avranno sicuramente sbocchi professionali maggiori e più remunerativi: dall'industria meccanica, all'elettromeccanica e alla robotica, con la possibilità di ambire a ruoli di responsabilità.
 
Il mestiere del cuoco, a differenza di quel che si può vedere in TV, è fatto molto meno da parole e più da fatica. Per essere un buono chef, si deve cucinare dedicandosi anima e corpo e senza riposarsi mai: a partire dalle cose più semplici come imparare ad usare un coltello o sbollentare delle verdure con umiltà e pazienza ad essere disposti a perdere compleanni e matrimoni, non avere giorni di malattia, né giorni liberi. Solo dopo anni di sacrifici, duro lavoro e stress si possono raggiungere alti livelli e non è nemmeno detto, a meno che non si sia veramente talentuosi o molto fortunati.
 
Altrettanto duro è il lavoro del cameriere. Tra i più comuni al mondo, è anche uno dei più faticosi e stressanti: nonostante non richieda un titolo di studio specifico, esige invece numerose capacità come comunicatività, sensibilità, conoscenza delle lingue, manualità, galateo, competenza in materia di cibi e bevande. Un cameriere deve saper fare di tutto: dalla pulizia della sala alla sistemazione del frigo e cantina, dalla gestione degli ordini al portare i piatti, dalla cura dei clienti alla comunicazione con la cucina. Il tutto per 12 ore di lavoro, spesso anche 14 o 16, stare sempre fuori casa, avere poco tempo libero, mal di schiena e stress. Il lato positivo è la possibilità di fare nuove conoscenze ed incontrare persone di altre culture, sempre che non ci si imbatta in clienti maleducati o irrispettosi che rendano ancor più duro il proprio lavoro.

Più informazioni su