laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Concerto Sinfonico dedicato alla Prof.ssa Patrizia Manzini

Più informazioni su

Orchestra del Conservatorio Puccini

LA SPEZIA – Nell'ambito degli scambi culturali internazionali tra istituzioni di alta formazione musicale, è ospite del Conservatorio Puccini il violoncellista e direttore d'orchestra M° ALEXEY VASILYEV, docente del prestigioso e storico Conservatorio di San Pietroburgo. Il musicista russo ha già tenuto nei giorni 11, 12 e 13 Aprile una masterclass di musica da camera, alla quale hanno partecipato proprio tanti studenti del Puccini. E' stata per quest'ultimi l'occasione per approfondire, o proprio conoscere, nuovi stili di esecuzione musicale soprattutto quelli legati alla prassi esecutiva della grande tradizione russa. Lo stesso maestro russo dirigerà, venerdì 15 Aprile ore 21,00, presso la chiesa di Nostra Signora della Neve, l'orchestra del Conservatorio, formata, per l'occasione, da oltre 40 elementi, tra docenti e allievi.
Il programma, classico – romantico, prevedrà l'esecuzione della sinfonia n. 40 K 550 in sol minore di Mozart e la sinfonia n. 1 op. 21 in do maggiore di Beethoven; si tratta di due composizioni, conosciute anche al pubblico più vasto, che metteranno in risalto, sotto la bacchetta del M° Vasilyev, le risorse tecniche ed espressive della compagine orchestrale spezzina.

Il concerto, per volontà del Direttore e di tutto il corpo docenti del Conservatorio Puccini, è dedicato alla Professoressa Patrizia Manzini recentemente scomparsa. Docente di storia ed estetica della musica presso lo stesso Conservatorio Puccini dal 1984 al 2016, la Professoressa Manzini, si era laureata in storia della musica e diplomata in pianoforte presso la sua città natale, Genova. Attiva nel mondo della musicologia più riconosciuta aveva curato cicli di trasmissioni radiofoniche e per RAI 3; i suoi interessi si erano orientati principalmente verso la drammaturgia wagneriana e il tardo romanticismo: Il concerto di venerdì sarà l'occasione per ricordare la sua serietà professionale e, non ultimo, la sua simpatia.

Più informazioni su