laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il logo «Equo Garantito» sui prodotti delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane

Più informazioni su

L’assemblea di Equo Garantito -Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale-, rinnova il consiglio direttivo e approva importanti cambiamenti per il futuro del movimento del Commercio Equo e Solidale in Italia

Sabato e domenica si è svolta la 1° assemblea di Equo Garantito dopo il cambio di nome, la 33esima del movimento del Commercio Equo e Solidale italiano.

Due sono le importanti novità. La prima è che da oggi il logo delle organizzazioni di Commercio Equo e Solidale italiane "Equo Garantito" potrà apparire sui prodotti commercializzati dalle organizzazioni, in coerenza con i criteri dell'organizzazione mondiale del Commercio Equo e Solidale, WFTO. Un comun denominatore, che riconosce e contraddistingue le organizzazioni che fanno ComES e che aderiscono alla Carta dei criteri italiana.

“Se fino a ieri Equo Garantito era una sigla nota a pochi e agli addetti ai lavori, oggi con questa scelta, l’associazione vuole uscire allo scoperto e promuovere le pratiche e la filiera di garanzia del Commercio Equo e Solidale come definito nei principi stabiliti dall’assemblea generale del commercio equo”, sottolinea Alessandro Franceschini, presidente uscente. "Questo cambio di direzione è importante anche in vista della prossima approvazione definitiva della legge nazionale sul Commercio Equo e Solidale

Il logo Equo Garantito -che apparirà sui prodotti indicando che l'organizzazione è socia di Equo Garantito- sarà il riconoscimento di un processo di cui il prodotto è il punto d’arrivo. Il logo è quindi la conferma che l’organizzazione che lo appone rispetta i principi, gli scopi e i criteri del Commercio Equo e Solidale come definito dall’organizzazione Equo Garantito.

Questa nuova fase sarà guidata da un nuovo consiglio direttivo, nominato domenica e che porta con sé l’esperienza di 3 consiglieri ricandidati e la forza e l’entusiasmo di nuove leve che provengono dalle diverse espressioni delle organizzazioni del Commercio Equo.  

Più informazioni su