laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mai scrive al ministero degli esteri: “Necessari chiarimenti puntuali su pesca allo spada”

Più informazioni su

“Per ora solo risposte vaghe che non danno certezze ai nostri pescatori”. 

GENOVA – “Non sono soddisfatto delle risposte fino ad ora ricevute dagli uffici competenti del ministero degli Esteri e Cooperazione internazionale in merito alla situazione concreta e reale che riguarda la pesca ai grandi pelagici, in primis lo spada, nel mar Ligure e in particolare nel tratto di mare antistante alla costa del Ponente. Dopo il caso del peschereccio Mina che ha portato alla luce l’esistenza del trattato di Caen, a cui ribadiamo con forza tutta la nostra contrarietà, ritengo che le rassicurazioni, benché ricevute personalmente in sede ministeriale lo scorso marzo, non siano sufficienti a fare chiarezza una volta per tutte sulla delimitazione della zona economica esclusiva di pesca tra Italia e Francia. Pertanto, dopo aver già scritto al ministero e aver ricevuto risposte vaghe, ho ritenuto necessario riscrivere al direttore generale per l’Unione Europea del ministero affari esteri e cooperazione internazionale Giuseppe Buccino per sollecitare, ulteriormente, risposte precise a domande circostanziate da cui dipende il futuro dell’attività dei nostri pescatori”. Lo dichiara l’assessore regionale alla Pesca Stefano Mai che già lo scorso 10 marzo aveva incontrato a Roma il sottosegretario agli Esteri Vincenzo Amendola per fare presente in sede ministeriale “le pesanti ripercussioni che verrebbero a ricadere sulla flotta tirrenica, e ligure in particolare, a seguito della ratifica dell'accordo bilaterale Italia-Francia”, il cosiddetto Trattato di Caen non ancora ratificato dal parlamento italiano, ma in base al quale le autorità francesi, lo scorso gennaio, avevano disposto il sequestro del peschereccio Mina, davanti alla costa di Ventimiglia.

“Avevo ricevuto rassicurazioni sul fatto che la Zona economica esclusiva istituita dalla Francia non avrebbe interdetto l’attività dei nostri pescatori di grandi pelagici come il pesce spada – spiega l’assessore alla Pesca Mai – ma fino ad oggi non sono stati forniti chiarimenti puntuali. Pertanto rinnovo la richiesta al governo di sedersi a un tavolo per ridiscutere i termini del trattato perché la fossa del cimitero dei gamberi resti alla Liguria” ha spiegato l’assessore Mai. “Aspettiamo che il ministero formalizzi la totale liceità della nostra pesca anche nella Zona economica esclusiva della Francia – ha concluso Mai –  in quanto ricade in acque dell’Unione Europea e quindi dove l’attività dei nostri pescherecci è e continuerà a essere permessa, ma pretendiamo garanzie scritte e incontrovertibili a tutela del nostro comparto ittico”.

Più informazioni su