laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Paola Sisti: «Rompo il silenzio stampa»

Più informazioni su

SANTO STEFANO MAGRA – "Con oggi apro un nuovo capitolo della mia candidatura a Sindaco: rompo il silenzio stampa e lo faccio partendo con alcune dichiarazioni doverose.
A dieci giorni dall'esito delle Primarie, che mi hanno REGOLARMENTE ELETTA VINCITRICE, ancora non c'è stata la mia proclamazione ufficiale!
E questo perché?
Perché c'è in atto UN ATTACCO ALLA DEMOCRAZIA nel nostro Comune, in quanto attraverso degli strumenti burocratici si cerca di rendere vano il voto di 2300 cittadini. Non c'è stato inquinamento di voto, perché tutti i 2300 cittadini hanno partecipato consapevoli di quello che stavano facendo: le Primarie sono state aperte a tutti, anni fa, proprio per permettere a Renzi di parteciparvi, e le regole permettono a tutti, meno i dirigenti di altri Partiti, di poter votare liberamente. Non solo i dirigenti di altri Partiti non sono stati fatti votare, ma i portavoce della mia competitor hanno insistito per far verbalizzare come simpatizzante dei 5 Stelle perfino un nostro regolare tesserato! E non è stato l'unico caso di atteggiamento offensivo nei confronti dell'elettorato che invece un candidato a Sindaco dovrebbe proteggere e tutelare!!!
Abbiamo accettato l'idea che ci sarebbero stati ricorsi, ma qui c'è un demandare le responsabilità a tutti i livelli comunali, provinciali e anche regionali del Partito, che non si assumono la responsabilità di proclamarmi.
Le Primarie hanno sancito democraticamente una vincitrice e IO HO IL DIRITTO E IL DOVERE di governare questo tempo che ci divide dalle elezioni amministrative!
Ho preso degli impegni precisi con i cittadini, che rispetterò!
Denuncio e accuso tutti i toni che sono stati utilizzati sui social network e anche al di fuori, tutto ciò che è stato detto per denigrare il voto dei cittadini: credo che i cittadini di S. Stefano siano persone intelligenti, dotate di libero arbitrio e in grado di fare una scelta!!!
Nessuno può arrogarsi il diritto – soprattutto chi ricopre cariche come Sindaco, Vicesindaco, Assessore o Consigliere – di poter dividere i cittadini tra persone oneste e disoneste, tra persone coscienti e altre che invece hanno esercitato il diritto di voto senza sapere cosa stavano facendo. Questo è mancare di rispetto ai cittadini di S. Stefano!!!
Io ho sempre detto che mi sono candidata per amore e gratitudine e oggi sento di dover DIFENDERE i cittadini di S. Stefano, anche quelli che non mi hanno votata, da un attacco volgare senza precedenti che invece dovrebbe farci capire come arrivare a far sì che quei cittadini confermino il loro voto per il PD!
Sono profondamente preoccupata, perché gli attacchi che parte della classe dirigente del PD fa nei confronti di chi li ha votati possono allontanare gli elettori del Partito Democratico e consegnare il Comune su un vassoio d'argento ai nostri veri avversari politici!!!"

Più informazioni su