laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

LATINA – SPEZIA 0-0 | Quando non sei brillante, va bene anche un brodino

Più informazioni su

Gara non spettacolare e bloccata al Francioni, il Latina ha un paio di occasioni nel primo tempo, ma Chichizola dice di no, poi chiude bene uno Spezia meno brillante del solito.

LA SPEZIA – Al “Francioni” va in scena un testa coda da brividi tra i pontini impelagati nella zona play-out e lo Spezia di Mimmo Di Carlo che vuole guadagnare posti importanti in chiave play-off.
Latina imbestialito dopo il rigore negato dall’arbitro Pezzuto nel finale della gara con l’Entella, Spezia reduce dalla rotonda vittoria di Vicenza.

Mister Gautieri che deve fare a meno di Acosty e Boakye davanti e degli squalificati Esposito e Mariga, schiera a sorpresa Paponi al centro dell’attacco ed il giovane Bandinelli a centrocampo.
4-3-3 con Ujikani in porta, difesa con Bruscagin, Dellafiore, Brosco e Calderoni, nel mezzo Schiattarella, Olivera e Bandinelli, davanti Scaglia e Ammari a supportare Paponi.

Mister Di Carlo lascia a casa Juande, mentre non recupera Postigo, Nenè, Okereke e Tamas.
Rispetto alla gara di Vicenza rientrano De Col al posto di Martic e Pulzetti per Canadjija.
4-3-3 quindi con Chichizola tra i pali, difesa con De Col, Valentini, Terzi, Migliore, nel mezzo Pulzetti, Errasti e Sciaudone, in avanti Piccolo e Situm a ridosso di Calaiò.

I BIANCHI PROVANO A FARE LA PARTITA, MA SONO I PONTINI A SFIORARE IL GOL
Sono i bianchi ad iniziare la gara provando a mettere i padroni di casa nella propria metà campo.
E’ il 3′ quando, sugli sviluppi di una punizione dalla destra, il tiro dal limite di Errasti si spegne sul fondo.
La reazione del Latina arriva in ripartenza con un’azione insistita, chiusa da un cross di Bruscagin per Paponi, deviato in corner dalla difesa aquilotta.
Al 13′ i padroni di casa sfiorano il vantaggio con il colpo di testa di Olivera provvidenzialmente alzato sulla traversa da Chichizola: nessuno degli attaccanti pontini riesce a ribadire in rete.
Cinque giri di lancette più tardi è nuovamente il portiere bianco a salvare la propria porta distendendosi sulla destra per deviare il preciso rasoterra di Paponi.
E’ questo il periodo in cui i padroni di casa sembrano poter prendere in mano la gara, complice anche un centrocampo spezzino che non riesce a far ripartire come al solito la manovra.
Al 26′ ci prova ancora il Latina: Paponi si libera di forza di Terzi, conclude dalla trequarti, ma il suo insidioso destro viene controllato da Chichizola.
E’ l’ultimo sussulto dei pontini che nel resto di primo tempo si limitano a controllare il possesso palla di uno Spezia che comunque non riesce a trovare lo spiragli per calciare a rete.
Scossone solo nel finale di frazione, con un’azione confusa del Latina in cui provano il colpo decisivo Olivera e Bandinelli, ma la retroguardia aquilotta argina deviando in corner.

SECONDA FRAZIONE TRA FORZE CHE MANCANO E PAURA DI PERDERE
Ci si aspetta una seconda frazione con lo Spezia prenda in mano in maniera decisa la gara ed infatti come possesso palla prova a farlo, ma i padroni di casa non fanno l’errore di scoprirsi.
La gara si fa ancora più scorbutica, fioccano anche diversi cartellini gialli da parte dell’arbitro, ma di occasioni da gol neanche a parlarne da un parte e dall’altra.
Quello che accade non impensierisce un granché i due portieri: al 51′ una mischia in mezzo all’area si risolve con un tiro da fuori di Bruscagin, alto sulla traversa.
Cinque minuti più tardi il Latina si rende pericoloso su punizione, ma il siluro di Calderoni termina sul fondo.
Primi cambi per i due mister, nei pontini esce Paponi ed entra Dumitru, mentre nello Spezia uno Sciaudone in ombra lascia il posto a Canadjija.
I padroni di casa hanno speso molto e lo si nota, ma i bianchi non hanno quella brillantezza che ha caratterizzato molte delle gare del girone di ritorno e quindi non riescono ad approfittarne.
Altri due cambi intorno alla mezzora, Corvia per Ammari nel Latina e Catellani per Pulzetti nello Spezia.
All’86’ il direttore di gara annulla un gol al Latina per posizione irregolare del neo entrato Mbaye che va a colpire su calcio piazzato battendo Chichizola.
Nulla di fatto e ultimi cambi, Mbaye per Olivera e Vignali per Calaiò.
Sono sei i minuti di recupero che l’arbitro Pasqua decreta, dovuti alle tante interruzioni, con le due squadre a provare timidamente di superarsi.
Al 95′ l’ultimo squillo del Latina con il cross di Scaglia per il tentativo di girata di Corvia, che manca l’impatto con il pallone.

IL COMMENTO
Che si tratti di un’occasione persa, visti i pareggi di tutte le concorrenti ai play-off, non ci sono dubbi, ma proprio questi risultati dimostrano come il torneo stia entrando nel periodo più delicato ed imprevedibile.
lo scoglio odierno poteva a giusta ragione essere considerato il più ostico da qui alla fine, ora ci aspettano tre gare contro formazioni apparentemente senza obiettivi, sarà lì che si dovrà tirar fuori le maggiori motivazioni.
Dopo la lunga rincorsa, qualche partita sotto tono è da mettere in preventivo, specie perché l’evidenza odierna ha mostrato molti elementi ben al di sotto delle loro prestazioni standard.
Anche il caldo d’ora in poi si farà sentire e potrà diventare un fattore decisivo per chi avrà meno birra nelle gambe.
Lo Spezia nelle prossime due gare giocherà due volte in posticipo, sapendo già i risultati delle concorrenti, vantaggio o svantaggio? lo dirà il campo.

Enrico Lazzeri – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it

Più informazioni su