laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’Orienteering sbarca anche alla Spezia foto

Più informazioni su

LA SPEZIA – Anche Spezia ha festeggiato la Prima Giornata Mondiale dell’Orienteering, e lo ha fatto alla grande. Tre scuole partecipanti, altre due coinvolte nell’organizzazione, il tutto sotto l’egida del LABTER del Comune e nel contesto del programma SpeziaOutdoor. I ragazzi dell’Istituto Pia Casa di Misericordia, della Scuola Media 2 Giugno e della Scuola Media Anna Frank si sono confrontati per la prima volta con la pratica dell’Orienteering, grazie al supporto dei loro colleghi “esperti” della Scuola Madia Jean Piaget e dell’Istituto Einaudi-Chiodo.

Ma di che cosa si tratta precisamente? L’Orienteering è a tutti gli effetti una pratica sportiva, che consiste nel sapersi spostare su terreni sconosciuti, servendosi solo della bussola e della carta topografica, nel minor tempo possibile e senza mancare alcun posto di controllo.

Il campo di gara in questo caso era particolarmente semplice, adatto ad avviare alla pratica i giovani neofiti. Si è operato infatti ai giardini pubblici dove Valter Soldati e Anna Marsigli (insegnanti rispettivamente presso l’Einaudi-Chiodo e la Jean Piaget) hanno predisposto due prove introduttive ed un campo di gara: i ragazzi dovevano orientare la mappa consegnata e muoversi nello spazio rappresentato dalla stessa lungo un itinerario prestabilito e dimostrando di averlo correttamente percorso rilevando gli appositi codici numerici che contraddistinguono ogni punto di controllo (le cosiddette “lanterne”).

Grazie a questo evento è stata anche prodotta dal LABTER una carta da orienteering della zona dei giardini pubblici intorno alla statua di Garibaldi, che di qui in avanti potrà essere utilizzata da chiunque ne faccia richiesta. Un’esperienza che ha soddisfatto partecipanti e organizzatori, un’attività che coniuga divertimento e apprendimento, sicuramente da ripetere.

Più informazioni su