laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Maria Grazia Neri la poetessa del sublime si racconta

Più informazioni su

LA SPEZIA – Dopo la presentazione del suo libro di poesie abbiamo incontrato la poetessa Maria Grazia Neri che si è rivelata capace di esprimere una intensità emozionale non comune, spaziando tra temi di lirica onirica e riflessioni su argomenti attuali.

Ha cominciato a scrivere poco più che adolescente, con le tipiche pulsioni dell’età attraverso brevi racconti di fantasia, favole per bambini e, come dice lei, favole per adulti.

Tutto è sempre rimasto relegato nel classico cassetto. Solo ultimamente, stimolata da persone che hanno letto le sue poesie, ha presentato con la casa editrice Helicon la silloge “Metamorfosi, ovvero il nulla che crea”.

“Scrivo poesie scavate oltre il velo illusorio della vita – afferma la Neri – sforzandomi di intuire la segreta ragione degli accadimenti perché costantemente coinvolta emotivamente dal vivere quotidiano che travolge la logica ragione e affonda le sue ragioni in segrete o forse profetiche verità. Cerco di superare logiche di lirica estetica, interpretando la mia anima come anima di tutti, anima del mondo, riconoscendo di appartenere al collettivo umano col suo sentire, il suo soffrire, nelle difficoltà del quotidiano. Per questo – prosegue – vorrei davvero che le mie poesie comunicassero oltre il senso apparente delle parole, anche perché ho la percezione che, in questo momento storico, più che mai c’è un desiderio inconscio di lirica poetica, di arte in senso generale, come espressione divina, di sogno, di speranza”.

Simona Pardini

Più informazioni su