laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Intervento di Moreno Veschi sulle elezioni amministrative

Più informazioni su

LA SPEZIA – Le recenti elezioni parlano anche per La Spezia.

Bisogna recuperare due questioni su cui abbiamo fatto dei passi indietro in questi anni: la partecipazione dei cittadini e le alleanze politiche.

E’ necessaria una svolta nell’azione amministrativa. La partecipazione dei cittadini alle scelte anche su punti su cui siamo in difficoltà, vedi Piazza VERDI,è obbligatoria. La scarsa partecipazione non favorisce nel tessuto cittadino la presenza di persone che diano un contributo di esperienza e di competenza. Viceversa il “ civismo” deve essere alla base della ricostruzione di un nuovo centro-sinistra.

Il PD non può fare solo un appello agli iscritti e ai militanti, a cui spesso ci richiama la segretaria Federica Pecunia,ma costruire con essi un programma anche in vista delle prossime elezioni comunali. La Spezia deve essere solo una città di Turismo e Servizi, con una popolazione prevalentemente anziana? Una <>? Non credo che sia possibile.

Il nostro modello non può non essere che quello di Milano: incentivare l’innovazione,alleanza politica che guarda a sinistra e unità del PD.

Io personalmente ritengo che il PD insieme agli alleati si debba impegnare e subito ad individuare una candidatura a Sindaco che non comporti lacerazioni ,magari evitando le primarie.

Il Consigliere Regionale Raffaella PAITA ha richiamato tutti a non alzare il dito sulle responsabilità rispetto alla perdita di Savona.Anche da lì vengono insegnamenti per La Spezia: si sono esclusi totalmente coloro che avevano perso le primarie,si è fatta una campagna di distacco con la precedente amministrazione senza idee forti in sostituzione. Non si può dare sempre la responsabilità agli altri.

Ritengo ,per questo,sbagliate le scelte fatte dalla maggioranza che gestisce il PD alla Spezia di escludere la minoranza, proponendo responsabilità di gestione insignificanti e ponendo veti su più persone.

A mio parere tutto ciò era sbagliato quando il PD era al 40%.,ancora di più oggi.La preoccupazione non deve essere soltanto quella di unire «i renziani» ma quella di unire tutto il PD,lo dico anche al Commissario Regionale Davide ERMINI.

E’ necessaria una svolta a sinistra sul piano delle condizioni reali delle persone,un recupero dei rapporti con il sindacato e cambiare l’ITALICUM. L’unità del PD e delle alleanze è indispensabile a Spezia per battere i nostri reali avversari: un centro-destra unito anche se come organizzazione Forza Italia non esiste più o il M5S,movimento che in città come la nostra ha però difficoltà ad arrivare al ballottaggio.

Moreno VESCHI
DIREZIONE PROVINCIALE PD

Più informazioni su