laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

ACAM: approvato il Bilancio d’esercizio e Bilancio consolidato del Gruppo

Più informazioni su

LA SPEZIA – L’Assemblea dei Soci di ACAM SpA ha, nella giornata odierna, approvato all’unanimità, presente l’88,56% del capitale sociale, il Bilancio d’esercizio e Bilancio consolidato del Gruppo per l’anno 2015.

Il Gruppo ACAM ha chiuso il 2015 con un utile di Bilancio consolidato, per il terzo anno consecutivo, pari a 2,607 milioni di €.

Il valore della produzione dell’anno 2015, pari a 124,379 milioni di € è in calo rispetto all’anno 2014 per effetto della vendita a Italgas della partecipazione del 51% di ACAM Gas SpA.

Il margine operativo lordo (EBITDA) si attesta a 36,562 milioni di €.

Il rapporto tra posizione finanziaria netta e margine operativo lordo (EBITDA), che rappresenta l’indice della capacità di rimborso dell’indebitamento, nel 2014, per la prima volta negli ultimi 12 anni, era sceso sotto la fatidica soglia di 5, attestandosi a 4,9.

Nel Bilancio 2015 questo indice scende ulteriormente e si attesta a 4,6 dimostrando quanto fatto in termini di risanamento del Gruppo ACAM.

Il ROE (Return on Equity), indicatore della redditività del capitale investito dai Soci, si attesta a 11,3%, rispetto al dato negativo dell’anno 2012 (-23%).

Nel corso del 2015 sono stati effettuati investimenti per 9,3 milioni di €, suddivisi in 1,5 milioni di € nel Settore Ambientale e 7,5 milioni di € nel Settore Idrico.

Tutte le Società del Gruppo ACAM chiudono con un utile netto.

Risultati ancor più significativi se si considera che rispetto ai bilanci degli anni precedenti, 2013 e 2014, nel 2015 non hanno inciso sopravvenienze attive derivanti da stralci del debito (circa 8 milioni di € nel 2013) e da cessioni (oltre 10 milioni di € nel 2014).

Il Gruppo è ora nella condizione di guardare con più serenità al proprio futuro, concentrandosi sempre di più sullo sviluppo industriale e sulla qualità dei servizi, da realizzare anche tramite progetti industriali aggregativi.

L’Assemblea dei Soci all’unanimità ha infatti dato mandato all’Amministratore Unico di mettere a punto un piano di fattibilità sulla concreta prospettiva del percorso aggregativo.

Si tratta di approfondire, da una parte, aspetti normativi, economico-patrimoniali, finanziari e industriali della prospettiva di aggregazione societaria, dall’altra di avviare un confronto di merito con IREN SpA che nei giorni scorsi ha formalizzato nei confronti del Gruppo ACAM una specifica manifestazione di interesse.

Più informazioni su