laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Seminario, cuore della comunità

Più informazioni su

Notizie della Diocesi.

LA SPEZIA – Martedì scorso, memoria liturgica di San Luigi Gonzaga, ricorreva l’onomastico di monsignor Luigi Ernesto Palletti, vescovo diocesano della Spezia – Sarzana – Brugnato. Il vescovo lo ha ricordato celebrando a Sarzana, nella chiesa del seminario vescovile, la Messa di fine anno seminaristico: in pratica l’inizio delle vacanze per i seminaristi, ma anche l’occasione per un bilancio spirituale dell’anno appena trascorso. Con il vescovo concelebravano il rettore don Franco Pagano e il direttore spirituale don Alessandro Celotto, con numerosi altri sacerdoti, “tornati” in seminario per questa circostanza, da diverse località della diocesi. Il vescovo, nella sua omelia, ha preso lo spunto dalla figura di san Luigi e dalle letture del giorno, per sottolineare il valore della vita consacrata e l’impegno “a tempo pieno” che deve caratterizzare il seminarista, e tanto più il sacerdote, anche nei periodi di vacanza. La diocesi della Spezia – Sarzana – Brugnato, come è noto, soffre ormai da anni di una notevole carenza di sacerdoti. Le parrocchie senza un parroco stabile sono ormai la maggioranza. Inoltre, l’età media dei sacerdoti (così come quella dei diaconi permanenti) continua a crescere, così che le difficoltà pastorali sono sempre più rilevanti. A fronte di una situazione alla quale suppliscono la dedizione dei sacerdoti e la collaborazione di molti laici, il primo dovere è certamente quello della preghiera, e la preghiera per le vocazioni è in effetti molto diffusa a livello diocesano e nelle parrocchie. ma oltre alla preghiera, c’è il dovere di essere vicini al seminario, “fucina” e cuore della diocesi, dove si preparano i sacerdoti di domani. La presenza del vescovo martedì scorso, che del resto segue le visite continue del pastore della diocesi ai seminaristi e gli incontri periodici con i loro genitori e con i loro parroci, ha avuto dunque un significato di esempio e di invito per tutti. Oggi il seminario vescovile di Sarzana dispone anche di una propria pagina “facebook” nella quale molte immagini danno conto della vita quotidiana e di tante iniziative di questa importante istituzione. In agosto l’intera comunità seminaristica si trasferirà poi nella casa estiva di Cassego e lì, alla fine di quel mese, ci sarà l’ormai tradizionale “giornata sacerdotale”, con la presenza di tutti i sacerdoti e dei diaconi permanenti.

Messe serali in diocesi
Anche quest’anno, con l’arrivo dell’estate, in varie parrocchie della diocesi viene introdotta una modifica all’orario delle celebrazioni festive delle Messe. In particolare viene introdotta una Messe serale, nell’orario del “dopo cena”. L’iniziativa viene incontro alle esigenze dei fedeli che vivono o soggiornano in località turistiche, oppure che, vivendo in città, sono soliti trascorrere i giorni del fine settimana in località di mare o di collina. La prima parrocchia a introdurre il nuovo orario, con una celebrazione alle 21, è stata quella di Deiva Marina: tale celebrazione, sin dallo scorso fine settimana, viene officiata sia di sabato sia di domenica. Alla Spezia, da domenica prossima una Messa sarà invece celebrata alle 21, come già negli anni scorsi, nella chiesa parrocchiale di Nostra Signora della Neve, in viale Garibaldi. Anche nella parrocchia di Bolano la Messa prefestiva è stata spostata alle 21.

Festa di San Pietro
Mercoledì 29 giugno, solennità dei Santi Pietro e Paolo, il vescovo Luigi Ernesto Palletti celebra Messa e amministra la Cresima in tre parrocchie dove in quel giorno ricorre la festa patronale: alle 9.30 a Sesta Godano, alle 11.30 nella concattedrale di Brugnato e alle 18 a Luni Mare. Nei giorni seguenti lo farà inoltre sabato alle 18 a Casano San Giuseppe e domenica prossima alle 17 a Rebocco.

Campo estivo per le famiglie
E’ in fase di preparazione il “campo famiglie”, che viene organizzato ogni anno dall’ufficio diocesano per la Pastorale familiare. Com’è nella sua natura, il “campo” ospita famiglie nella loro interezza, quindi con persone adulte e ragazzi: per le prime si tratta di un sia pur breve periodo di di tranquillità per godere le gioie della natura e nel contempo per arrichire la propria spiritualità; per i bambini e per i ragazzi diviene invece un un modo “nuovo” per imparare l’importanza della collaborazione, della condivisione e del servizio. La sede del “campo famiglie” sarà quest’anno in una località dell’Appennino emiliano, Montemiscoso di Ramiseto, in provincia di Reggio Emilia. Gli ospiti spezzini saranno accolti dall’ 8 al 14 agosto nella casa vacanze “Il mulino”, ricavata dalla ristrutturazione di un vecchio mulino e delle stalle adiacenti: la casa è un accogliente rifugio dalla mura di pietra e tetti di legno, situato tra due scroscianti torrenti ai piedi del monte Ventasso ed immerso nel verde. Saranno a disposizione diverse strutture sportive e ricreative: campo da calcio, da tennis, da basket, ping–pong, altalena, barbecue, forno a legna. Nelle vicinanze si trova inoltre un piccolo lago, una “piscina naturale” a disposizione degli ospiti per momenti di relax vicino all’acqua oppure per giochi con piccole zattere. L’iniziativa, nell’anno del Giubileo straordinario, intende aiutare le famiglie ad una riflessione su un tema importante come la misericordia. Durante il giorno saranno organizzati momenti di riflessione, di preghiera e la celebrazione quotidiana della Messa. La Pastorale giovanile della diocesi, inoltre, animerà le giornate con varie attività per tutti. Il campo è in autogestione ed è aperto a tutti quanti si prenoteranno per tempo. I partecipanti dovranno portare con sé lenzuola singole o sacco a pelo e asciugamani. Le quote di partecipazione sono le seguenti: adulti, 190 euro; ragazzi 11–14 anni, 150 euro; bambini 6–10 anni, 120 euro; bambini 0 – 5 anni, soggirono gratuito. Per adesioni inviare mail a marcomargi@yahoo.it oppure telefonare, al più presto, al numero 328.5834990.

Compie trent’anni la chiesa del Felettino
La chiesa parrocchiale di Sant’Anna al Felettino venne consacrata dal vescovo Siro Silvestri il 28 giugno 1986 (nella foto). Trent’anni dopo, dopodomani, il vescovo attuale Luigi Ernesto Palletti sarà accolto alle 18 dal parroco don Italo Sommi e dai fedeli per una Messa solenne di ringraziamento. Nella chiesa, che serve una vasta zona a nord est di Migliarina, sono conservate numerose opere dello scultore Rino Mordacci, che ne fanno un vero piccolo museo d’arte.

Anniversari sacerdotali
Due sacerdoti diocesani compiono mercoledì prossimo 29 giugno, solennità dei santi Pietro e Paolo, cinquant’anni di Messa. Si tratta del canonico don Mario Perinetti, arciprete del capitolo di Brugnato, e di don Franco Martini, che vennero ordinati dal vescovo Giuseppe Stella a Sarzana il 29 giugno 1966. Entrambi sono noti in diocesi e altrove per il lungo impegno nel campo dell’assistenza sociale alle persone anziane, disabili e nei programmi di recupero da situazioni di droga o di altri disagi. In comune hanno anche l’impegno nel campo educativo, così come nell’assistenza pastorale di numerose parrocchie. Sempre mercoledì don Giuliano Ferrari, parroco di Bracelli e di Cavanella, ricorda i venticinque anni di ordinazione, e lo stesso il diacono permanente Marco Fabbricatore di Ceparana. A tutti gli auguri più cordiali per il loro cammino di vita e di apostolato: “ad multos annos”!

Pellegrinaggio mariano
Farà tappa in alta Val di Vara, sabato prossimo 2 luglio, il pellegrinaggio mensile della diocesi per la santificazione del clero e per le vocazioni al sacerdozio. La sua mèta sarà, per il mese di luglio, la chiesa di Sant’Andrea di Valgiuncata, nella parrocchia di Torpiana e Valgiuncata, in comune di Zignago. Il ritrovo dei pellegrini sarà alle 8 presso l’edicola votiva di Sant’Antonio, lungo la strada provinciale dello Zignago. Da lì, a piedi, raggiungeranno la chiesa, dove alle 8.30 il vescovo Luigi Ernesto Palletti celebrerà la Messa. Al termine, ci sarà il consueto momento di ristoro per tutti. Un pullman per i pellegrini partirà alle 7 da Santo Stefano Magra, via La Spezia (piazza Europa), Riccò del Golfo, Brugnato. Un altro pullman per i pellegrini del comune di Ortonovo partirà invece alle 6.30 dalla piazza del municipio, a Serravalle.

Si è spento Rino Canese
Si è spento Rino Canese, per molti anni dirigente della Democrazia cristiana e più volte consigliere di circoscrizione. Era nato nel 1921 a Campiglia, località cui è sempre sttao molto legato. Per oltre due decenni è stato presidente della Conferenza di San Vincenzo, ricoprendo incarichi anche in sede regionale e nazionale. Per questo aveva ottenuto la decorazione pontificia, che univa a quella di commendatore. Pensionato del Comune, dove era stato assunto all’ufficio economato nel 1939, era l’unico dipendente ancora in vita ad aver lavorato nello storico “Palazzo Cenere”, il palazzo civico distrutto dai bombardamenti della guerra. Era riconosciuto come un uomo di grande saggezza, ma anche sempre assai determinato nelle sue molteplici attività. I funerali, molto affollati, si sono svolti martedì scorso in Santa Maria Assunta ed è seguita la tumulazione a Campiglia. Ai familiari, tra cui il genero Valerio Cremolini, nostro collaboratore, le più sentite condoglianze.

La Spezia, porta della speranza
E’ stato stato presentato venerdì alla Spezia, nei locali del circolo “Fantoni” affacciati sulla bella visione di piazza Brin, il libro di Maria Luisa Eguez “La Spezia, porta della speranza”. Il saggio, molto documentato, ricostruisce una vicenda rimasta a lungo quasi dimenticata, ed ora invece tornata a ricoprire un ruolo importante nella memoria storica spezzina: l’accoglienza, tra il 1945 e il 1947, di alcune migliaia di ebrei, liberati dai campi di sterminio e desiderosi di raggiungere la Palestina. Dopo lunghe attese, che videro la popolazione locale mobilitata in loro sostegno, anche per i generi di prima necessità, quei profughi di allora si imbarcarono proprio dalla Spezia: settant’anni fa furono le navi “Fede” e “Fenice” a prendere il mare dal molo Pirelli di Pagliari. Il libro, che affianca ora un documentario realizzato dal regista Alessandro Bronzini (anch’esso proiettato al “Fantoni”) è dedicato dunque all’odissea del popolo ebraico tra la guerra mondiale e il dopoguerra. Ma è bello sottolineare come, dalle sue pagine, emergano episodi importanti e significativi non solo di solidarietà umana da parte degli spezzini, ma anche di dialogo religioso. Maria Luisa Eguez, infatti, fa parte del gruppo “Samuel”, un gruppo che da anni approfondisce alla Spezia i rapporti ebraico – cristiani. Fu proprio don Gianni Botto, che del gruppo fa parte, a sentirsi salutare con entusiasmo a Safed, in Israele, quando anni fa disse di essere di Spezia: Spezia ancora oggi in Israele è infatti conosciuta come “Sha’ar Tzion”, “Porta di Sion”, proprio in relazione a quelle vicende. Il libro racconta poi l’impegno di don Mario Scarpato, che era in quegli anni il parroco del luogo e che, scampato egli stesso alle torture nazifasciste nel carcere di Marassi, si adoperò non poco per venire incontro ai profughi israeliti ed organizzando gli aiuti dei suoi parrocchiani.

Il vescovo a Cassego
Proseguono nella casa diocesana di Cassego in alta Val di Vara, i campi estivi per giovani e ragazzi. Da domani a domenica prossima 3 luglio è la volta di ragazzi e ragazze delle scuole medie. Mercoledì i gruppi presenti incontreranno il vescovo Luigi Ernesto Palletti.

Si è spento Rino Canese
Si è spento Rino Canese, per molti anni dirigente della Democrazia cristiana e più volte consigliere di circoscrizione. Era nato nel 1921 a Campiglia, località cui è sempre sttao molto legato. Per oltre due decenni è stato presidente della Conferenza di San Vincenzo, ricoprendo incarichi anche in sede regionale e nazionale. Per questo aveva ottenuto la decorazione pontificia, che univa a quella di commendatore. Pensionato del Comune, dove era stato assunto all’ufficio economato nel 1939, era l’unico dipendente ancora in vita ad aver lavorato nello storico “Palazzo Cenere”, il palazzo civico distrutto dai bombardamenti della guerra. Era riconosciuto come un uomo di grande saggezza, ma anche sempre assai determinato nelle sue molteplici attività. I funerali, molto affollati, si sono svolti martedì scorso in Santa Maria Assunta ed è seguita la tumulazione a Campiglia. Ai familiari, tra cui il genero Valerio Cremolini, nostro collaboratore, le più sentite condoglianze.

Conferenza sulla famiglia
Venerdì 1° luglio alle 21 il vescovo Luigi Ernesto Palletti sarà a Levanto per tenere una conferenza sul tema della famiglia alla luce della “Amoris Laetitia”. L’iniziativa, cui tutti sono invitati, si tiene nella chiesa della confraternita di San Giacomo apostolo.

Il decano torna in … seminario
Don Renato Strusi, canonico del capitolo di Sarzana, ha novantacinque anni ed è il decano della diocesi per anno sia di nascita (1921) sia di ordinazione (1944). L’11 giugno ha compiuto, ancora in discreta salute, settantadue anni di Messa. Per la circostanza è tornato in … seminario, a Sarzana, dove (nella foto) ha celebrato la Messa di ringraziamento insieme al rettore don Franco Pagano e ad altri sacerdoti, che poi hanno fatto festa con lui. Un grande augurio anche da noi: “ad multos annos” !

Più informazioni su