laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Multe a raffica nei locali della ‘movida’ spezzina: musica a alto volume, lavoratori in nero, slot irregolari

Più informazioni su

LA SPEZIA – Controlli a tappeto e multe a raffica nei locali della ‘movida’ spezzina. Su disposizione del questore Vittorino Grillo, hanno partecipato gli agenti della Polizia Municipale (al comando del dottor Alberto Pagliai), Polizia di stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, tecnici del servizio igiene alimentare Asl.

I controlli si sono concentrati al Quartiere Umbertino e nel centro: tre locali sono stati controllati anche con l’identificazione degli avventori.

In due era in  atto musica a tutto volume e i gestori hanno ricevuto un verbale per la violazione pari a 516 euro ciascuno. nel terzo locale,  e con un verbale per la violazione pari a 516 euro.

Nel terzo locale, pur somministrandosi alimenti, non era esposta alcuna tabella dei prezzi: è subito scattata la contestazione con un verbale di 1000 euro.

Nel centro storico sono finiti nel mirino  tre locali in cui veniva diffusa musica: solo che i gestori non avevano l’autorizzazione o comunque laddove c’era, era utilizzata in modo non conforme. A ciascuno dei gestori è scattata una multa di 516 euro.

E non è finita: in uno dei locali è stata accertata la presenza di un lavoratore in nero, nonché la mancanza di prezzi esposti: altre sanzioni in arrivo come prevede la legge. In un altro locale ai  giardini pubblici, i tecnici Asl hanno sequestrato alimenti non conservati secondo le prescrizioni di legge: la merce è stata sequestrata, cui farà seguito una pesante multa.

Ai Colli Alti  era in corso una festa in un ristorante e le forze dell’ordine hanno trovato la maggior parte dei lavoratori quasi tutto in nero: gli avventori quasi tutti di nazionalità extracomunitaria. Il  gestore non aveva il dispositivo del tasso alcolemico, obbligatorio dopo le 24: è scattato un verbale di 400 euro.

La Guardia di Finanza al Canaletto ha riscontrato slot machine non connessi con i Monopoli: gli apparecchi erano scollegati e l’accusa per il titolare è di evasione fiscale. Sono previste pesanti sanzioni. pesanti sanzioni.

Più informazioni su