laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’ariete è tornato. Davide Borsi è di nuovo rossonero

Più informazioni su

Davide Borsi, l’ariete rossonero rivestirà la maglia numero undici del Carispezia 2016-2017 dopo una stagione da protagonista a Matera, dove è arrivato in semifinale dei play-off scudetto, in semifinale di Coppa Italia e in semifinale di Coppa Cers persa ai rigori contro i padroni di casa del Barcelos poi vincitori del Trofeo, rientrerà nella prossima stagione nel club che lo ha cresciuto e cercherà con il suo apporto di regalare l’ottava salvezza consecutiva al Club di Piazza Terzi. sicuramente Sarzana rispetto a Matera ha obiettivi diversi ma credo comunque che tutti i giocatori entrano sempre in pista con la voglia di vincere quindi mi auguro che riusciremo a fare una bella stagione e di conquistare la salvezza il prima possibile e se poi ce ne sarà la possibilità di puntare a qualcosa di più!!” (ha dichiarato Davide Borsi ritratto nella foto con la maglia rossonera).

SARZANA – Davide Borsi, l’ariete rossonero rivestirà la maglia numero undici del Carispezia 2016-2017 dopo una stagione da protagonista a Matera, dove è arrivato in semifinale dei play-off scudetto, in semifinale di Coppa Italia e in semifinale di Coppa Cers persa ai rigori contro i padroni di casa del Barcelos poi vincitori del Trofeo rientrerà nella prossima stagione nel club che lo ha cresciuto e cercherà con il suo apporto di regalare l’ottava salvezza consecutiva al Club di Piazza Terzi. Davide Borsi è il giocatore in assoluto più amato dal pubblico rossonero, il classico amore odio che si ha per un fantasista, quello genio e sregolatezza quello che ti può da solo cambiare le sorti di una gara. Davide si specchia a pennello nelle parole della canzone di Enrico Ruggieri dedicata ai fantasisti “Io sono quello da guardare, quando ho voglia di giocare sono schiavo dell’artista che c’è in me.

” Tutta Sarzana hockeistica è sobbalzata in piedi in gara due dei play off quando Davide Borsi si è bevuto tutta la difesa del Lodi segnando una rete da favola. Federico Calcagno non ha smesso di elogiare il giocatore sarzanese per diversi minuti. “Davide Borsi – dichiara il presidente Corona – “speravo che rientrasse lo sperava anche tutto il nostro pubblico, lui è bravissimo a regalare entusiasmo alla nostra gente, la trattativa si è chiusa in pochi minuti perché tutti e due volevamo la stessa cosa, lui aveva voglia di rivestire la sua maglia e noi volevamo lui, perché sapevamo che la sua classe e le sue giocate potevano riportare entusiasmo tra i tifosi che con il suo ritorno e l’arrivo di Sergio Festa avranno certamente da divertirsi. Il valore di Davide non si discute, lui è il vero genio e sregolatezza è capace da solo di vincere una partita. E poi un figlio di Sarzana e del nostro settore giovanile e questo  per la nostra società è sicuramente di fondamentale importanza.

Queste le prime parole di Davide Borsi da giocatore rossonero: Rientri dopo un anno a Matera dove hai giocato per grandi traguardi, ritorni a Sarzana e passi da lottare per il vertice a lottare per la salvezza?L’anno a Matera è stata un’esperienza importante dove credo di essere maturato come giocatore e mi ha lasciato la voglia di migliorare. Sicuramente Sarzana rispetto a Matera ha obbiettivi diversi ma credo comunque che tutti i giocatori entrano sempre in pista con la voglia di vincere quindi mi auguro che riusciremo a fare una bella stagione e di conquistare la salvezza il prima possibile e se poi ce ne sarà la possibilità di puntare a qualcosa di più!!”.

Nella squadra della prossima stagione sarai certamente il leader “Io più che sentirmi leader mi sento parte di un progetto dove cercherò di dare sempre il massimo per la squadra!! se ci sarà bisogno di prendersi responsabilità mi sento pronto ma preferisco parlare sempre di squadra!!”

Ritrovi Francesco Dolce ma questa volta anche nel ruolo di allenatore hai già parlato con lui? “Per quanto riguarda Francesco ancora non gli ho parlato ma sono felice per questa possibilità che gli è stata data, sicuramente ci incontreremo a breve per capire assieme cosa lui vorrà da me in pista”. Carriera ricca di gol per Davide Borsi, cresciuto nelle giovanili del Sarzana, ha giocato sempre con la squadra rossonera, fino alla stagione 2014-2015, per poi giocare nell’ultima stagione nelle file della Sinus Matera, per lui anche tre parentesi azzurre una nella nazionale Under 17, una con la rappresentativa under 23 e una con la Nazionale Senior al Campionato Europeo a Wuppertal. Il presidente era raggiante quando dopo la prima giornata del Torneo Ungari insieme al Direttore Sportivo Maurizio Garofalo sono andati in un noto locale Sarzanese dove hanno sancito l’accordo con l’ “ariete” rossonero e al rientro al Vecchio Mercato lo ha voluto comunicare ai suoi collaboratori.

“Avevo detto dopo la presentazione di Festa che a presto avrei annunciato il secondo tassello del nostro mosaico, ora manca l’ultimo nostro obiettivo che non vorremo tardare ad annunciare, e come per Davide voglio gente motivata a vestire la nostra maglia, posso dire di aver visto negli occhi di Davide la voglia di rivestire la nostra maglia e la sua Sarzanesità. Sarà una squadra tutta Italiana, su questo credo di potermi sbilanciare, anche se comunque con Osvaldo Raed stiamo lavorando sul mercato argentino e abbiamo messo gli occhi su tre ragazzi del 1998 che comunque usciranno dall’Argentina dopo il prossimo Mondiale Under 20 del 2017. Ora speriamo che la nostra gente risponda con gli abbonamenti ripagando con il loro calore la voglia di Sarzana di questi ragazzi, spero di riavere un Vecchio Mercato stracolmo di persone, che dovrà trascinarci a compiere qualche impresa impossibile ”

Più informazioni su