laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Monica Magnani vocalist e vocal coach

Più informazioni su

Intervista a cura di Ezia Di Capua in occasione di Sala CarGià Atelier a cielo Aperto 2016.

LERICI – Ezia Di Capua Curatore di Sala Culturale CarGià, in occasione dello spettacolo che realizzerà al Parco Shelley di San Terenzo intitolato: Sala CarGià Atelier a cielo Aperto – Simposio d’Arte e Cultura – Quinta Edizione, intervista Monica Magnani, artista professionista vocalist e vocal coach. L’intervista in esclusiva pubblicata integralmente nel Blog di Sala Culturale CarGià è rilasciata parzialmente ai quotidiani on line. Ezia Di Capua ringrazia vivamente Monica Magnani con la quale ha tessuto una bellissima intesa artistica e una bellissima amicizia e Vi invita a partecipare numerosi giovedi 14 luglio alle ore 21,00 Parco Shelley di San Terenzo per “Ti lasciamo una canzone in riva al mare” con Monica Magnani e i suoi giovani artisti.

Intervista integrale, Atti, cronaca, profili degli artisti, immagini e quanto necessario sarà inserito nel blog di Sala CarGià, contenitore, archivio e testimonianza storica dell’arte e della cultura in transito nel Golfo dei Poeti: http://salacargia.blogspot.it

Monica hai collaborato come vocalist dell’orchestra e vocal coach dei ragazzi di ‘Ti lascio una canzone’, il famoso programma di Raiuno capitanato da Antonella Clerici. Quale bella emozione ti porti nel cuore e come ricordi la tua amicizia con Antonella Clerici ?.

Sono molto legata al programma televisivo ‘Ti lascio una canzone’ perché in quei ragazzini rivedo un po’ me stessa, che sono partita da un piccolo paese come Ceparana, in provincia di La Spezia inseguendo un sogno senza sapere bene quali strade percorrere e proprio grazie a questa grande passione ho avuto l’opportunità di condividere questa mia grande aspirazione con grandi talenti della musica italiana ed internazionale. Ho cantato in tutto il mondo con Laura Pausini ed Eros Ramazzotti. Proprio durante il tour mondiale di Eros nel 1998, ho cantato con Joe Cocker e Tina Turner durante i live show a Monaco. e, grazie a quelle performances, sono poi finita in un disco del grande Joe Cocker come back ground vocall. Ho affiancato lmrs Gloria Gaynor nei suoi tour italaini. Antonella Clerici è una grande professionista che ama moltissimo il programma, tant’è che proprio in questi giorni, il 9 e 10 luglio, si trova in Canada dove porta lo show ‘Ti lascio una canzone’ con diversi ragazzi che sono sbocciati proprio insieme a noi. Diciamo che questa produzione di Rai Uno è un vero e proprio contenitore di talenti, che, grazie al lavoro di grandi professionisti, hanno l’opportunità di crescere musicalmente, basti pensare a ‘il volo’, il trio vocale partito proprio dal programma per arrivare al grande successo mondiale. Come vocal – coach per me è una grande soddisfazione, il livello di preparazione dei ragazzi è molto alto e i risultati parlano da soli. Con Antonella c’è un rapporto di reciproca stima e rispetto. E’ molto bello confrontarsi con persone capaci, ti aiuta a crescere, e questo voglio trasmettere ai ragazzi che seguo personalmente.

Sei un “Vocal Coach “. Spiegaci in cosa consiste la tua professione.

Il mio compito è quello di preparare l’artista nelle sue performance. Ad esempio, sono stata vocal coach di Michelle Hunziker per il suo spettacolo teatrale ‘Mi scappa da ridere’. Con lei ho fatto un’esperienza bellissima preparando i numeri cantati e ballati dello spettacolo con risultati incredibili, affrontando ogni singola performance in tutti i dettagli, dalla tecnica all’interpretazione delle canzoni.

Ho anche seguito Belen Rodriguez preparandola per il Festival di Sanremo dove aveva diversi numeri cantati.

Il mio compito è quello di perfezionare la prestazione dell’artista per ottenere i massimi risultati da proporre al gande pubblico.

La stessa cosa vale per i ragazzi di ‘Ti lascio una canzone’: il mio compito specifico è insegnare loro nei minimi dettagli le canzoni da proporre sul palcoscenico cantando dal vivo in prima serata su Rai Uno accompagnati da una grande orchestra di 30 elementi. Tutto questo naturalmente in tempi record.

Nella tua biografia artistica leggo che hai lavorato con celebri artisti internazionali Laura Pausini, Eros Ramazzotti, Gloria Gaynor e molti altri, parlaci di loro e della tua esperienza. Chi ha segnato di più il tuo cammino artistico?

Come dicevo precedentemente ho avuto occasione di collaborare con grandi talenti. Ho imparato stando al loro fianco l’arte di esibirmi, l’arte di fare spettacolo, oltre che cantare, Per questo devo ringraziare ognuno di loro, da Alberto Fortis, il primo artista che mi ha portato giovanissima in tournèe, a Lorella Cuccarini che ho affiancato per ben 8 mesi su canale 5 con ‘Buona domenica’, persona infaticabile. In studioo di registrazione ho conosciuto Gianni Morandi, quando incisi ‘Si può dare di èiù’ che vinse pii il Festival di Sanremo’. Da allora ogni volta che ho potuto lavorare con Gianni , lui mi ha insegnato qualcosa sul piano della performance di un cantante: aprire le vocali, saper muoversi sul palcoscenico. Duettando con lui nelle prove dei brani per il Live show ‘Morandi in Arena’ non potevo sgarrare mai! Non gli sfugge nulla e pretende sempre il massimo, ma proprio questo atteggaimento ti spinge a a dare il massimo. L’incontro con Laura Pausini mi ha aperto le porte del palcoscenico internazionale. Da allora ho avuto occasione di lavorare molto all’estero, con grandi produttori musicali. Sono rimasta con Laura per 8 anni, fino a che è nata mia figlia. Grazie a questa esperienza è arrivato poi il tour mondiale con Eros Ramazzotti, quindi il disco con Joe Cocker, le esibizioni dal vivo con Tina Turner. Discograficamente ho avuto l’occasione di registrare i dischi di Mina, grandissima persona oltre che cantante unica; Adriano Celentano, Jovanotti. Nel disco ‘La mia moto’, il primo in lingua italiana di Lorenzo Cherubini, io ero la voce femminile che duettava con lui. E un anno dopo nel brano ‘I numeri’ bissammo la cosa e fui invitata anche alla presentazione dal vivo a ‘Fantastico’ su Rai Uno. Non vorrei dimenticare nessuno perché ho lavorato davvero coi più grandi: Francesco De Gregori, Antonello Venditti, Anna Oxa, Enrico Ruggeri, Umberto Tozzi, Amanda Lear, Loredana Bertè, Dolcenera, I Nomadi, Toto Cutugno, Luciano Pavarotti, Fausto Leali, Paolo Belli, 883 e Max Pezzali. Tutte persone con un grande talento artistico e un temperamento personale che mi hanno spinto ad esplorare tutti i confini dell’arte di cantare per un pubblico molto vasto. Ho imparato molto e desidero trasmettere queste esperienze ai più giovani.

Hai un sassolino nella scarpa? – Parlane liberamente

Penso che i ragazzi vadano educati a perseguire con tenacia le proprie passioni, e non si ottengono grandi risultati se non con grande impegno e dedizione. Spesso si vedono ragazzi che inseguono il successo piuttosto che la loro passione, e forse questo è anche il messaggio che potrebbe passare a livello televisivo. Si parla tanto di talent. Io non posso certo criticarli, dato che collaboro da anni sia con ‘Ti lascio una canzone’ che con ‘’The Voice of Italy’, con ‘X-factor’, ma quello che voglio trasmettere ai ragazzi che pensano di ottenere facilmente un risultato è che bisogna impegnarsi a fondo e con serietà perché nulla arriva per caso. La fortuna arriva, ma se non si è in grado di sfruttarla, passa e se ne va. Coltivare il proprio talento è l’obiettivo che porta sulla strada del successo, non viceversa.

Più informazioni su