laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Frassini: sopralluogo al cantiere park dell’oratorio

Più informazioni su

Sara Frassini, Capogruppo Per Sarzana

SARZANA – Su iniziativa dell’assessore Baudone (poi risultato assente per un impegno in provincia) ieri i componenti della commissione territorio sono stati invitati ad effettuare un sopralluogo nel cantiere del futuro parcheggio dell’oratorio.
Avevo qualche perplessità relativamente a questo tipo di attività non proprio istituzionale invece è stata utile in quanto l’impresario ha risposto ai quesiti delle mie interrogazioni, presentate nelle scorse settimane.

Per quel che riguarda la questione relativa alle emergenze archeologiche la relazione redatta dagli archeologi incaricati dall’impresa costruttrice sarà consegnata nelle prossime settimane alla Soprintendenza Ligure che si esprimerà a riguardo. Gli archeologi erano intenti nella pulizia di un tratto è ci hanno solo saputo dire qualcosa riguardante il pozzo. Per il resto si dovrà aspettare che finiscano l’analisi.

Ho colto l’occasione di confrontarmi con il dirigente e l’impresario anche sulle preoccupazioni dei residenti della zona.

Che tipi di precauzioni sono state adottate per la pavimentazione di Via Mazzini e nei confronti delle abitazioni private che si affacciano sul cantiere?
La pavimentazione di Via Mazzini è  “assicurata” da una polizza fidejussoria e da una contestuale perizia giurata effettuata anche attraverso un rilievo con un drone nel sistema fognario. Questo, a detta del dirigente e dell’impresario,  permetterà di effettuare le verifiche necessarie a fine lavori per un eventuale intervento di sistemazione, coperto dalla polizza.

In risposta alle mie perplessità sugli scavi a sud del cantiere (lato via dietro il teatro) lungo i quale si procederà a filo muro l’impresario si è mostrato sicuro per le abitazioni che difficilmente, secondo i suoi tecnici, potranno subire danni visto che distano circa quattro metri dallo scavo ma un pò meno convinto si è mostrato per la precarietà del muro storico che delimita l’area del campetto. Su questo chiederà a Soprintendenza e Comune come comportarsi per un consolidamento.

Sulla questione del traffico di camion che nelle scorse settimane ha preoccupato molto residenti e commercianti Musetti si è mostrato aperto al confronto e alla riduzione delle dimensioni dei mezzi ma ha fatto presente che quelli utilizzati essendo a tre assi garantiscono una migliore distribuzione del peso rispetto a quelli a due assi (più piccoli) che comporterebbero anche un maggior numero di viaggi.
Penso che ormai, fino a settembre, saranno poche le notizie ma se la Soprintendenza dovesse decidere per la prosecuzione dei lavori,  tornerò a chiedere al Sindaco di aprire un canale di comunicazione con i cittadini, un tavolo che coinvolga anche l’impresario (che devo dire si è mostrato molto disponibile al dialogo) e i residenti in quell’area perché non siano costretti a vivere passivamente l’incubo di quel cantiere.

Più informazioni su