laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Prevenzione vaccinale

Più informazioni su

LA SPEZIA – “I consiglieri comunali Masia e Manfredini del gruppo sinistra unita per il socialismo europeo hanno presentato una importante mozione, frutto del lavoro congiunto con il PSI spezzino, sul tema della prevenzione vaccinale discussa e votata dal consiglio comunale di ieri sera.

Il 5 Ottobre 2015 è uscita una nota dell’Istituto Superiore di Sanità molto allarmante: i dati pubblicati dal Ministero della Salute indicano un tasso di vaccinazioni al di sotto degli obiettivi minimi previsti dal PNPV. Scendono sotto al 95% le vaccinazioni per poliomielite, tetano, difterite ed epatite B e la percentuale scende ulteriormente per le vaccinazioni contro il morbillo, la parotite e la rosolia che raggiunge una copertura del 86%, diminuendo di oltre 4 punti percentuali.
In Provincia della Spezia dei 1609 bambini nati nel 2012 residenti sotto ASL n°5, ne sono stati vaccinati il 92% per quanto riguarda i vaccini esavalenti. Per la vaccinazione antipneumococcica risultano vaccinati una percentuale del 90 per cento, mentre per la antimeningococcica i dati si attestano all’82 per cento e per il morbillo 83 per cento, con 1342 bambini vaccinati.
Tale fenomeno di rifiuto della prevenzione primaria è in larga parte imputabile ad una pericolosa campagna di contro-informazione antivaccinista, perpetrata attraverso i mass-media da soggetti completamente estranei al mondo medico e scientifico (da semplici cittadini fino a parlamentari della Repubblica), che sta diffondendo deliranti messaggi quali l’ipotesi di correlazione tra vaccinazioni e altre malattie o fantomatici interessi delle lobbies farmaceutiche.

Proprio ieri è stato diffuso un documento della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo) su questo argomento. In quel documento approvato all’unanimità si dice chiaramente, ed è la prima volta che viene affermato con la dovuta nettezza, che i medici che sconsigliano i vaccini senza fondata ragione infrangono il codice deontologico e vanno incontro a procedimenti disciplinari che possono arrivare alla radiazione. Ci auguriamo che questo esempio venga seguito anche da tutte le altre Federazioni di Ordini e Collegi delle professioni sanitarie, per esempio a partire da quella delle Ostetriche, figure professionali che possono ricoprire un ruolo fondamentale nell’informazione dei genitori sui vaccini pediatrici.

Il nostro primo ringraziamento va a tutti i medici, operatori sanitari e volontari che quotidianamente lavorano e si battono per una corretta informazione sulla tematica della prevenzione vaccinale. Doveroso è anche il ringraziamento ai consiglieri Masia e Manfredini per essersi fatti portatori di questa istanza, coronata dall’approvazione della mozione stessa, che è un importante segnale di attenzione al problema del calo delle vaccinazioni pediatriche e dell’insufficiente ricorso a quelle per adulti e anziani.
La mozione impegna il Sindaco e la sua amministrazione a farsi parte attiva nel favorire percorsi di informazione, monitoraggio e prevenzione a livello comunale, presso Nidi, Scuole d’Infanzia e Centri Sociali per Anziani, nonché coinvolgendo giunta regionale e ASL n°5.

Più informazioni su