laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

“Famiglie per il no” al referendum costituzionale foto

Più informazioni su

LERICI – Una grande banca d’affari americana, la J.P.Morgan (JPM), – una tra quelle riconosciute come responsabili della grave crisi mondiale del 2008 – detta l’agenda agli Stati dell’Europa meridionale. Portogallo, Italia, Grecia, Spagna – la loro abbreviazione fa “pigs”, maiali, in inglese – devono aggiornare le Costituzioni, definite troppo “socialiste”. I punti critici sono nero su bianco nel documento ufficiale JPM del 2013 “The Euro area adjustment”: i governi sono deboli; lo Stato è debole rispetto alle regioni; le Costituzioni proteggono i diritti dei lavoratori; il sistema del consenso produce clientelismo.

Le pressioni internazionali – finanziarie, politiche, mediatiche – sono enormi. I governi nazionali prendono nota, e svolgono il compitino dettato da Oltre Oceano. A tutto questo, però, bisogna resistere, pena la perdita della sovranità popolare e della partecipazione. Il popolo italiano, a cui la modifica costituzionale sarà sottoposta tramite referendum in Ottobre, può farlo, e tornare a essere faro di civiltà in Europa.

E’ questo il quadro dipinto, con dovizia di documenti, slide, foto e video, dall’avvocato Simone Pillon, nei due convegni di mercoledì e giovedì scorsi, che hanno tenuto incollato alla sedia fino a notte inoltrata il pubblico che ha riempito la sala del Consiglio comunale di Lerici. Pillon è socio fondatore del comitato “Difendiamo i nostri figli”, organizzatore dei Family day di Piazza San Giovanni e del Circo Massimo e ora delle “Famiglie per il no” al referendum costituzionale.

La Costituzione – che definisce le regole fondamentali della democrazia – è stata scritta da tutte le forze politiche, con grandi personalità, e in un clima di grande condivisione. La riforma porta i nomi di Renzi e Boschi, ed è stata approvata a colpi di maggioranza.

«La nostra Costituzione ha due principi guida: il personalismo, secondo cui la persona è al centro delle relazioni, e la sussidiarietà, secondo cui le decisioni vanno prese il più vicino possibile alle persone su cui queste hanno impatto, dando così rilevanza alle comunità familiari, territoriali, professionali. I diritti fondamentali delle persone e delle comunità preesistono rispetto a qualsivoglia concessione o riconoscimento da parte dello Stato».

«Qualcuno ha però deciso di rifondare la società su un’antropologia individualista e uno Stato centralista, sostituendo i diritti sociali con i capricci individuali». L’acquisto del “figlio” da parte di Vendola ne è emblema. In questo modo, si distrugge la coesione sociale riducendo la società a un insieme di individui, ben più facilmente manipolabili da parte di chi detiene il potere. Mentre i padri costituzionali avevano definito un’architettura bilanciata di pesi e contrappesi, la riforma toglie tutti i contrappesi al potere dell’esecutivo, così che il segretario del partito di maggioranza relativa avrà un potere quasi assoluto.

Il piano di distruzione – o decostruzione, secondo il linguaggio politically correct – ha tre bersagli fondamentali: la famiglia, il pluralismo costituzionale, le comunità intermedie e sussidiarie.

La distruzione della famiglia sta passando attraverso la legge sul “divorzio breve”, dopo la quale «è più facile cambiar moglie che operatore telefonico»; la parificazione dei figli legittimi e naturali, «cosa giusta ma già garantita, mentre la legge scinde il rapporto genitoriale da quello biologico»; infine la legge sulle cosiddette “unioni civili”, in realtà matrimonio per persone dello stesso sesso, con tanto di cerimonia, cognome in comune, comunione dei beni, divorzio, pensione di reversibilità, e, per via giudiziaria, adozioni e utero in affitto. «Questa legge istituisce il gran bazar della “famiglia”, per cui sarà molto difficile per le nuove generazioni capire che cosa sia la famiglia, che la Costituzione riconosce come “società naturale fondata sul matrimonio”». E il nuovo ddl Lo Giudice Cirinnà prevede multe e carcere fino a due anni per chi (psicologi ed educatori in primis) si prenda cura di minorenni che desiderano cambiare il proprio orientamento sessuale.

L’alternativa alla famiglia naturale non sono le “famiglie” arcobaleno, ma la solitudine. «Quando sei solo, in salute e ricco, sei il consumatore ideale. La famiglia, che risparmia per il futuro dei propri figli, sfugge al PIL. Ma a ottantacinque anni, da single, se hai ancora soldi prendi la badante, poi arriverà comunque la punturina di Stato» a far quadrare i conti della sanità.

«L’Italia ha retto alla crisi grazie alle famiglie. Se sommiamo il debito privato a quello pubblico, l’Italia se la cava bene, a differenza degli USA. Le famiglie italiane risparmiano. E qualcuno vuole mettere le mani su questo tesoro».

Il secondo punto è la distruzione del pluralismo costituzionale. «Si vuole decostruire il Senato – giunto a noi dall’antica Roma – riducendo i senatori da 315 a 100, non eletti. La legge è uno strumento potentissimo. Stabilisce quando e come vai in pensione, che cosa insegnano ai tuoi figli, quante tasse paghi, e come vengono impiegate. Il bicameralismo – caratteristica di ogni Paese occidentale – evita che tale potere sia concentrato nelle mani di poche persone».

Il mantra per la riforma è che dobbiamo risparmiare. Ma la riforma toglie la rappresentatività popolare del Senato, non la sua burocrazia.« Il risparmio finale sarà di 20 milioni di €, 33 centesimi per ogni italiano. La volontà non è di risparmiare, ma di togliere un organo ingombrante. L’ordine del giorno della Camera dei deputati potrà essere definito dal governo, con buona pace di Montesquieu, che predicava la divisione dei poteri».

E’ una scusa anche l’asserita semplificazione. «Ci saranno sette modalità per approvare una legge, una delle quali richiede il parere preventivo della Corte Costituzionale. Si vuole far inceppare la macchina legislativa, facendo passare solo quello che vuole il governo».

Il terzo punto è la distruzione dei corpi intermedi, le associazioni, le comunità. «Più decentro il potere più ho difficoltà a controllarlo. Le regioni potranno legiferare solo su cultura, tradizioni, turismo. Insomma, una pro-loco. E, in qualsiasi momento, il governatore potrà essere destituito dal governo nazionale».

Le provincie vengono tolte di mezzo, con un risparmio di 78 milioni di Euro, 1,30 a testa. «Non si farà altro che perdere pezzi di democrazia. Quanti di voi conoscono un consigliere comunale, con cui poter parlare ed esporre problemi? Quanti un consigliere regionale? Quanti un ministro? Vogliono togliere il potere dalla tua prossimità. Poi, certo, magari l’irraggiungibile ti farà un tweet. E magari starà anche un’oretta su Internet a rispondere alle domande, rigorosamente selezionate».

La ciliegina sulla torta è la nuova legge elettorale, approvata con voto di fiducia. Premessa: la Corte Costituzionale ha detto che non va bene il premio di maggioranza, e che sono necessarie le preferenze. Nonostante questo, con l’Italicum, se il primo partito alle elezioni prende almeno il 40% dei voti, incassa automaticamente il 55% dei seggi. «Se nessuno raggiunge il 40%, si va al ballottaggio, dove la quota dei votanti è sempre molto ridotta. Chi vince, prende comunque il 55%. Così, anche con solo il 25% dei voti al primo turno, un partito può diventare maggioranza schiacciante alla Camera, unico organo legislativo».

Le preferenze ci sono. «Ma i capilista – che costituiranno almeno 400 deputati su 630 – li scelgono i partiti. Così, il segretario di un partito avrà il controllo dei governi locali e un peso decisivo sulla definizione della Corte costituzionale e del Presidente della Repubblica, per scegliere il quale basteranno 200 voti». Controllare lo Stato significa polizia, carabinieri, forze armate, servizi segreti, RAI. «Un uomo solo – Renzi, ma potrebbe essere Grillo, o Salvini – avrà il comando pressoché assoluto del Paese. Noi dobbiamo occuparci d’altro. Possiamo sposarci maschi con maschi e femmine con femmine, ma non disturbate il manovratore».

Bisogna far fuori anche le piccole banche di prossimità (casse di risparmio, casse rurali, credito cooperativo, etc.). «E’ notizia della scorsa settimana – data da Bloomberg, ma non dai media italiani – che per 70 miliardi di euro JPM ha ricevuto l’incarico di risanare il Monte dei Paschi di Siena».

«Uno che chiama, un altro che ascolta e obbedisce. Questa è l’Italia del domani. Ma c’è una possibilità di cambiamento: votare “no”. E potrebbe essere un momento di coesione, anche con chi, su molti aspetti, la pensa diversamente». «Le proveranno tutte per farci votare “sì”, o non farci votare proprio. L’ultimo governo eletto dagli italiani, quello Berlusconi, è stato fatto cadere a colpi di spread. Si diceva che il motivo fossero i 1.900 miliardi di debito pubblico. Oggi siamo a 2.400, e lo spread è tranquillissimo. Ci sono pressioni finanziarie che non posiamo neanche immaginare. Ma se gli italiani vengono informati correttamente, le cose possono cambiare. Renzi ha fatto venire dagli USA Jim Messina, spin doctor di Obama, per 200mila €. Noi dobbiamo andare casa per casa, incontrando le persone, spiegando come stanno le cose. Lo facciamo perché ci crediamo. Non abbiamo soldi, non abbiamo dietro lobby».

Gli inglesi hanno subito fortissime pressioni economiche. Si è arrivati anche all’omicidio si Stato. Ma sono riusciti a dire la loro. «Non so se la Brexit sia un bene o un male. Io preferirei che i popoli europei si mettessero insieme per riportare l’Europa alle proprie radici. Ma, il popolo del Regno Unito ha avuto il coraggio di dire “no”. Altri Paesi (Ungheria, Repubblica Ceca, Croazia etc.), ovviamente additati come Stati canaglia, stanno difendendo la propria identità e un’antropologia naturale. La premier polacca intende cancellare la legge sull’aborto Polonia perché non è un paese civile quello che uccide i propri figli».

«Il nostro Paese è ancora una roccaforte, la famiglia e i corpi intermedi tengono. Gli italiani ancora vogliono fare cose insieme, non chiudersi in casa, perché fuori è pericoloso, ci sono gli stranieri».

«E’ una battaglia epica. E la vittoria sta nel combattere. Le “unioni civili”, formalmente, le abbiamo perse. A ferragosto, un decreto ministeriale imporrà il gender nelle scuole. Il punto è combattere. Quando tutto sarà passato, quando il tessuto sociale e la famiglia saranno decostruiti, che cosa cercheranno le persone disperate? Il bello, il vero, il giusto, il luminoso. Non lo troveranno da nessuna parte. Se non nelle famiglie». I monasteri medievali salvarono il seme della vita cristiana e dell’Europa. Da lì i popoli si abbeverarono per costruire il proprio futuro. «Se riusciamo a conservare il seme dell’amare, del bello, del vero, del buono, allora avremo vinto. I nuovi cenacoli, possono anche essere associazioni, dove il vero sia custodito. La battaglia è già vinta. Il problema che rimane è quanti morti dovremo contare prima che l’Occidente si accorga di quello che sta accadendo».

Più informazioni su