laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Consiglio Regionale di venerdì 29 luglio

Più informazioni su

La seduta è iniziata con il dibattito sul Disegno di legge 93/2016, “modifiche alla legge regionale 7 novembre 2013, n. 33 (Riforma del sistema del trasporto pubblico regionale e locale).

Marco De Ferrari (Mov5 Stelle) ha esordito illustrando la sua relazione di minoranza: «Il servizio di trasporto pubblico deve rimanere tale, sia nella gestione sia nelle risorse – ha detto – come del resto hanno ribadito gli italiani attraverso il referendum del 2011». Secondo De Ferrari il trasporto è prima di tutto – ha detto – un servizio sociale. Il consigliere ha rilevato che in Liguria gli autobus hanno una media di circa 15 anni e che sono altamente inquinanti. «Diciamo un secco no – ha aggiunto – a ogni legge regionale che riduca il benessere di cittadini e lavoratori, introducendo addirittura condizioni di indirizzo verso la privatizzazione del sistema. Crediamo che accanto al servizio di trasporto pubblico locale debba essere mantenuto l’unico principio possibile: il trasporto sociale». Secondo il consigliere sarebbe stato opportuno accogliere le richieste di alcune sigle sindacali e dei rappresentanti delle aziende liguri di trasporto che chiedevano di rinviare l’approvazione a settembre, aspettando così l’approvazione del decreto del ministro Madia, oppure a dicembre, cioè dopo la sentenza della Corte costituzionale sugli articoli che l’attuale disegno di legge intende modificare. De Ferrari ha chiesto che «la clausola sociale sia esplicitata chiaramente nel bando di gara aggiungendo, in ogni caso, l’applicazione del contratto più favorevole al lavoratore». Secondo il consigliere è necessario, inoltre, porre un vincolo alle subconcessioni. De Ferrari, infine, ritiene opportuno, per limitare i disagi dei lavoratori, che nella legge sia inserita anche una garanzia occupazionale riferita al deposito di residenza e non solo al bacino di residenza.

Seduta sospesa

Dopo le proteste manifestate da alcuni rappresentanti sindacali del settore, circa la possibilità di assistere alla seduta, Sergio Rossetti (Pd) ha chiesto la sospensione del Consiglio per valutare come proseguire i lavori.

Il presidente del Consiglio regionale Francesco Bruzzone ha rilevato che, a norma di regolamento, è suo compito garantire il corretto svolgimento delle sedute e ha ricordato che nei giorni scorsi è stato costretto a interrompere il Consiglio più volte in seguito alle intemperanze del pubblico. Il presidente ha sottolineato, inoltre, che anche alcuni consiglieri di minoranza gli avevano chiesto di garantire il regolare andamento dei lavori in aula.

Il presidente della giunta regionale Giovanni Toti ha chiarito che la seduta non si svolge a porte chiuse, ma che sono stati contingentati gli accessi, per garantire il corretto svolgimento dei lavori permettendo, infatti, ad una delegazione di rappresentanti sindacali di assistere al Consiglio. Toti ha sottolineato che è un preciso dovere dell’Assemblea svolgere la propria funzione legislativa nell’interesse di tutti i liguri e ha evidenziato la rilevanza dei provvedimenti oggi in calendario, in quanto rientrano fra gli obbiettivi prefissati nel programma di governo regionale. Si è comunque dichiarato favorevole ad una breve interruzione.

Bruzzone ha quindi autorizzato una breve sospensione.

Una volta ripresa la seduta, dopo un breve dibattito a cui hanno partecipato Giovanni Barbagallo e Raffaella Paita del Pd, Francesco Battistini (Mov5Stelle), Giovanni Pastorino (Rete a Sinistra) e Angelo Vaccarezza (FI), il Consiglio ha respinto con 16 voti contrari della maggioranza di centro destra (la minoranza per protesta non ha votato) la richiesta di fare assistere al Consiglio alcuni lavoratori.

Dopo le proteste manifestate da numerosi consiglieri di minoranza, il presidente del Consiglio regionale Francesco Bruzzone ha nuovamente sospeso la seduta.

Riforma del sistema di trasporto pubblico locale: cancellato il Bacino Unico

Con i 16 voti favorevoli della maggioranza, mentre la minoranza ha abbandonato l’aula in segno di protesta, è stato approvato il Disegno di legge 93/2016, “modifiche alla legge regionale 7 novembre 2013, n. 33 (Riforma del sistema del trasporto pubblico regionale e locale).

Il testo approvato prevede il superamento del bacino unico regionale e del lotto unico di gara, con l’istituzione dei bacini provinciali e l’individuazione dei relativi Enti di governo (Città Metropolitana di Genova ed Enti di area vasta per Imperia, Savona e La Spezia). Gli Enti di governo, come sopra individuati, svolgono le funzioni di gestione del trasporto (tra cui procedure di affidamento del servizio, gestione del contratto) nel loro ambito di competenza, nel rispetto della normativa vigente in materia, mentre la Regione mantiene le funzioni di programmazione, gestione dei servizi ferroviari regionali e controllo su tutto il sistema di trasporto pubblico locale regionale.

Viene abrogata l’Agenzia regionale ATPL Liguria S.p.A., che cessa le sue attività dall’entrata in vigore del nuovo testo di legge, e viene dato mandato a FI.L.S.E. S.p.A. di attivare le procedure per l’intervento straordinario di efficientamento del servizio (Fondo per l’esodo del personale dipendente), prima previste in capo all’ATPL.   Il provvedimento attua una miglior definizione dei vincoli sui beni, acquistati con contributi pubblici, essenziali e indispensabili allo svolgimento del servizio di TPL, secondo le ultime prescrizioni emanate dall’Autorità di regolazione dei trasporti.

Respinti gli emendamenti presentati da Pd e dal Movimento5Stelle

Dibattito

Subito dopo l’apertura della seduta pomeridiana Giovanni Lunardon (Pd), ha illustrato la sua relazione di minoranza, ha definito il disegno di legge «un’occasione persa». Secondo il consigliere il testo lascia la situazione invariata riproponendo i difetti di frammentazione e di scarsa sistematicità. Lunardon ha ribadito la necessità di mantenere «l’unitarietà del bacino e l’integrazione ferro/gomma», rilevando che l’ordinanza del Tar, relativa all’attuale legge 33, non mette in discussione l’ampiezza del bacino ma chiede di motivare meglio la scelta e il decreto Madia – ha aggiunto – non esclude il bacino unico, ma chiede di motivare meglio anche sulla base della domanda e offerta la scelta dei bacini. Lunardon ha sottolineato come leggi analoghe, che prevedono il bacino unico, sono state adottate da Toscana, Umbria e Calabria. Il consigliere, inoltre, ha criticato la scelta di sopprimere l’Agenzia regionale perché in un assetto di quattro bacini ci sarebbe bisogno «di un punto unitario di forte coordinamento e di regia di sistema» e perché permetterebbe il recupero dell’Iva di almeno 17 milioni all’anno. Lunardon ha apprezzato che il testo definitivo preveda una contribuzione verso gli enti gestori dei contratti di servizio, richiesta dal Cal, portando dall’1 al 2% la quota di fondo tpl per espletare le gare e effettuare i controlli, l’istituzione di un tavolo di confronto permanente con i sindacati, anche in funzione della stesura dei bandi di gara, e l’estensione della bigliettazione elettronica da Genova all’intera Regione. Il consigliere ha proposto, fra l’altro, di istituire un Fondo di garanzia regionale per assicurare la regolarità dei flussi finanziari agli enti di governo e di prevedere la possibilità di integrazione forte /gomma almeno nell’ambito della città metropolitana di Genova.

Nel successivo dibattito è intervenuta Raffaella Paita (Pd): il consigliere ha annunciato che il gruppo avrebbe abbandonato l’aula e non avrebbe partecipato al successivo dibattito e alle votazioni del disegno di legge in segno di protesta dopo la decisione assunta in mattinata dal Consiglio di non far assistere alla seduta alcuni lavoratori del settore (comunicato n.218, ndr).

Subito dopo anche Fabio Tosi (Mov5Stelle) ha annunciato che anche il suo gruppo avrebbe abbandonato l’aula spiegando che nella seduta del mattino non sarebbe stata rispettato il ruolo della minoranza e perché l’Assemblea non aveva approvato la richiesta di fare entrare alcuni lavoratori.

Gianni Pastorino (Rete a Sinistra), con le stesse motivazioni, aveva già abbandonato il Consiglio al termine della seduta del mattino.

Angelo Vaccarezza (FI) è intervenuto difendendo il provvedimento e l’iter di confronto, avviato sul testo di legge nella competente commissione consiliare prima della sua definitiva presentazione in aula, e ha richiamato le responsabilità del gruppo del Pd nel precedente ciclo amministrativo. Vaccarezza, in particolare, ha elencato i limiti della legge varata dalla giunta Burlando che l’attuale disegno di legge intende modificare. Vaccarezza, infine, ha illustrato l’ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi di maggioranza e collegato al disegno di legge, che rafforza le clausole di salvaguardia per i lavoratori nel cosiddetto Fondino e dà più garanzie affinché i lotti di gara coincidano con il rispettivo ambito territoriale di competenza..

Alessandro Piana (Lega Nord Liguria-Salvini) ha evidenziato le criticità della legge in vigore, ricordando le impugnative delle Aziende di trasporto, del Tar e all’Autorità garante della concorrenza, e ha ribadito la necessità di attuare rapidamente le modifiche previste nel disegno di legge oggi all’esame dell’aula.

L’assessore ai trasporti Gianni Berrino ha illustrato le circostanze che hanno spinto la giunta a rivedere la definizione dei bacini tornando ai quattro originari. L’assessore ha ricordato, in particolare, il veto messo dal Governo alla proroga dei contratti fino al dicembre 2017 se fosse stato mantenuto il lotto unico e il rinvio dal Tar alla Corte costituzionale delle contestazioni, sempre in merito al bacino unico. Berrino ha, quindi, rilevato che l’ipotesi di espletare gare su più lotti sul bacino unico avrebbe comportato accertamenti e verifiche dispendiose e un notevole allungamento dei tempi. «La nostra, dunque, non è stata una posizione ideologica o dettata da motivi politici – ha spiegato – ma è stata una modifica di legge dettata dal buon senso». Rispetto poi all’integrazione ferro/gomma, richiesta dalla minoranza, l’assessore ha aggiunto: «Mi domando perché il Pd non abbia agito in questo senso quando, nella precedente amministrazione, ha varato la legge 33» e ha rilevato che, in questo caso, solo un numero limitatissimo di aziende potrebbe partecipare all’eventuale gara. Berrino, infine, ha annunciato la prossima creazione del tavolo di coordinamento fra Regione, enti gestori e sindacati per definire i criteri dei bandi di gara.

Andrea Costa (Gruppo misto-Ncd Area popolare) è intervenuto annunciando il proprio voto favorevole al provvedimento sul quale – ha detto – ci sono molte aspettative da parte dei cittadini. Costa ha auspicato che, grazie a questa legge, si possa finalmente, procedere alle gare e a regolarizzare il trasporto pubblico. Il consigliere ha auspicato l’avvio di una riflessione sui territori per migliorare il servizio e utilizzare al meglio le risorse. Costa, commentando l’abbandono dell’aula da parte dell’opposizione, ha ribadito che la maggioranza ha sempre voluto mantenere il dialogo con la minoranza: «Da parte nostra – ha concluso – c’è sempre stata la disponibilità per arrivare a soluzioni condivise».

Lilli Lauro (Lista Giovanni Toti Liguria) ha spiegato che il disegno di legge permetterà di intervenire concretamente per migliorare il servizio di trasporto, «mentre la legge varata dalla giunta precedente – ha aggiunto – era solo una scatola vuota». Il consigliere ha criticato il comportamento assunto dai gruppi di minoranza che hanno deciso di abbandonare la seduta.

Matteo Rosso (FdI-An) ha ribadito la propria fiducia nell’operato dell’assessore Berrino e si è dichiarato dispiaciuto dal fatto che l’opposizione abbia abbandonato il dibattito.

Più tutele per gli esodati e garanzie sulla corrispondenza fra lotti di gara e ambiti territoriali di competenza

Il Consiglio regionale ha approvato con 16 voti a favore (maggioranza) l’ordine del giorno, presentato da Angelo Vaccarezza (FI) e sottoscritto dagli altri gruppi di maggioranza, che impegna la giunta “nell’ambito della convenzione Filse per disciplinare le modalità di attualizzazione e delle risorse relative al cosiddetto fondino a riportare la seguente clausola di salvaguardia: nella convenzione dovranno essere definite le modalità prevedibili di strumenti di garanzia nei confronti dei lavoratori interessati dall’incremento per il collocamento in quiescenza, in caso di variazione della normativa pensionistica, ai fini della corresponsione agli stessi dell’equivalente importo economico e contributi all’atto del collocamento in pensionamento anticipato”. Il documento, inoltre, impegna la giunta a “verificare il rispetto di quanto previsto dalla legge 33 del 2013 in particolare per quanto riguarda il mantenimento o incremento del servizio offerto, fatto salvo le riduzioni dello stesso, dovute alla diminuzione delle risorse assegnate, auspicando contemporaneamente, che vengano rispettati gli accordi stipulati in sede aziendale per l’attuazione del fondino in merito alle assunzioni dei lavoratori, che si rendessero necessarie e, infine, a intervenire presso gli enti affidanti affinché definiscano lotti di gara di dimensione coincidente con il rispettivo ambito territoriale di competenza”

Più informazioni su