laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

I centri per l’impiego licenziano i precari: 27 dipendenti rischiano il posto di lavoro

Più informazioni su

LA SPEZIA – Le Segreterie provinciali CGIL, CISL e UIL Confederali e di Categoria intendono denunciare con forza la gravissima situazione nella quale si sono venuti a trovare i lavoratori precari dei Servizi per l’Impiego della nostra Provincia.

In questa fase le problematiche di una riforma, quella delle Province, assolutamente inadeguata e priva di una costruzione logica e temporale, stanno emergendo con forza e si stanno ripercuotendo sui lavoratori e sui cittadini.

Le Province esistono, continueranno ad esistere (magari con altro nome) ed avranno ancora, come hanno, competenze e deleghe da gestire.

In compenso la loro pseudo-riforma ha fatto sì che esse si siano impoverite di professionalità, si siano private di personale in modo assai superiore a quanto le loro competenze necessiterebbero (a causa dei tagli economici) e non abbiano più nemmeno le risorse economiche per gestire settori importanti, come le strade, le scuole e l’ambiente, che pure hanno ancora in capo.

Tra i vari problemi, ora, l’assurdo: i servizi per l’impiego dovrebbero essere gestiti da almeno un anno dalla costruenda agenzia nazionale per il lavoro (Anpal).

Poiché l’agenzia non é ancora operativa, le Regioni hanno assunto su di sé, attraverso una convenzione stipulata con lo Stato, l’onere temporaneo della gestione; gestione che con ulteriore convenzione le Regioni hanno trasferito alle Province.

Il tutto fa supporre che tale situazione durerà ancora per tutto il 2017.

A causa dei tagli scriteriati operati dallo Stato molte (la maggior parte) delle Province italiane si trova oggi in una situazione di dissesto economico o (come quella spezzina) di pre-dissesto, senza un bilancio approvato e senza essere in grado di rispettare i parametri economici previsti dalla legge ,come ad esempio il cosiddetto patto di stabilità.

Per questa situazione l’Ente non può, per impedimento di legge, prorogare i contratti di lavoro del personale precario, pur avendo la necessaria copertura economica (fondi sociali europei) e l’effettiva necessità, in quanto i precari costituiscono quasi il 50% dell’organico di questi servizi e risultano essere pertanto essenziali all’erogazione degli stessi.

I lavoratori precari da oltre dieci anni, con esperienze e professionalità consolidate, si ritroveranno il 30 Settembre in una situazione di enorme incertezza, che li porterà a perdere il lavoro, o, nella migliore delle ipotesi, a tentare di collocarsi nel settore privato.

Le scriventi Segreterie CGIL CISL UIL rivolgono pertanto un appello ai Parlamentari della nostra provincia per sensibilizzare e impegnare il governo ad emettere , in tempi brevi, entro settembre, una deroga normativa che consenta alla Province in situazione di dissesto o pre-dissesto , la proroga dei contratti di lavoro sino a marzo o almeno sino al 31 dicembre , in modo da utilizzare le risorse dei Fondi sociali europei che la Regione Liguria intende mettere a disposizione .

Le OOSS auspicano che i nostri Parlamentari intervengano al fianco dei lavoratori e del Sindacato per trovare una soluzione a questi 27 dipendenti della nostra provincia ,

in caso contrario , in cui non arrivassero risposte che accolgano le istanze sopra riportate, i lavoratori saranno chiamati dalle Organizzazioni Sindacali ad una fase di mobilitazione continua,

che porti all’attenzione di tutta l’opinione pubblica il paradosso:

I CENTRI PER L’IMPIEGO LICENZIANO I PRECARI…

Più informazioni su