laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Furti e borseggi: la Polizia di Stato denuncia 15 persone

Più informazioni su

LA SPEZIA – E’ una estate calda e ventilata, clima ottimale per residenti e turisti che hanno scelto la nostra regione per trascorrere le proprie vacanze in serenità e relax.

Il meraviglioso Parco delle Cinque Terre, dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, meta turistica di eccellenza, è preso d’assalto da turisti stranieri che per muoversi più liberamente utilizzano il servizio Cinque Terre Express predisposto dal Trasporto Regionale Liguria delle Ferrovie dello Stato Italiane.

Proprio questa situazione di relax e divertimento per molti, è invece momento di operosità e attenzione da parte della Polizia Ferroviaria che opera sul territorio di competenza affinchè il clima vacanziero non venga turbato da episodi oltremodo spiacevoli.

Ecco che vengono intensificati i servizi nelle stazioni e sui treni circolanti nelle Cinque Terre e La Spezia in un controllo coordinato del territorio che coinvolge gli uffici della Polizia Ferroviaria di La Spezia, Sarzana e Sestri Levante con il supporto operativo di personale della Specialità proveniente persino da Genova.

Dal primo giugno ad oggi l’attività intrapresa ha portato alla denuncia di 15 persone per reati di furto e borseggio a danni di turisti in stazione, nella quasi totalità giovani donne di etnia rom, già pregiudicate e dedite a vivere di espedienti e proventi di reati commessi con destrezza.

Analogamente altre 5 giovani rom, già pregiudicate e con reati specifici, sono state proposte per una misura di prevenzione avendole trovate ad aggirarsi in stazione senza un giustificato motivo.

Rilevante è anche il risultato, percepibile ma non quantificabile, ottenuto con la presenza in ambito ferroviario della “uniforme”, sicuro deterrente per coloro che tentano disonestamente di “lavorarsi il turista”, approfittando della confusione e dell’affollamento sui binari.

Ultimo episodio, avvenuto ieri a Spezia, ha portato alla denuncia di una giovane cittadina bosniaca, autrice di un borseggio poco prima commesso ai danni di un viaggiatore mentre saliva le scale. In possesso della donna, individuata dagli Operatori Polfer in servizio, venivano trovati ancora due biglietti ferroviari acquistati il giorno prima dalla vittima.

Più informazioni su