laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Anche Coop attiva una raccolta per le aree terremotate

Più informazioni su

Sisma: COOP, a sostegno delle persone in difficoltà e dei territori colpiti dal terremoto, avvia una campagna di solidarietà attraverso i propri soci e consumatori. Chi volesse contribuire potrà farlo in tutta Italia direttamente alle casse dei punti vendita attraverso il meccanismo dei punti (un punto ogni euro di spesa) o destinando le proprie donazioni su uno specifico conto corrente. I fondi così raccolti saranno destinati a un intervento di ricostruzione.

Coop si muove a sostegno delle persone in difficoltà e dei territori colpiti dal terremoto e avvia una campagna di solidarietà attraverso i propri soci. Dopo la gestione della prima fase di emergenza che ha visto fin da subito le cooperative di consumatori più vicine all’epicentro del sisma impegnate nella raccolta di generi di prima necessità è ora la volta dell’intero movimento nazionale che avvia una campagna di solidarietà attraverso la propria base sociale che ha superato gli 8 milioni e mezzo di soci e i suoi consumatori. Il meccanismo è semplice e si svolge direttamente nei punti vendita: chi vorrà contribuire potrà farlo attraverso il meccanismo dei punti (si accumula un punto per ogni euro di spesa) e si potrà decidere con donazione libera di destinarlo alla causale “Emergenza Terremoto” oppure chi vorrà potrà devolvere somme in denaro sul conto corrente presso Unicredit Spa (IBAN IT 73 A 02008 02854 000104429141 causale “Raccolta fondi per terremoto”). Le singole cooperative potranno poi integrare con ulteriori interventi economici quanto sarà raccolto. CoopVoce, l’operatore mobile di Coop, ha inoltre attivato la donazione di 2 euro al numero 45500 della Protezione Civile.

I fondi raccolti, in accordo con gli organismi partecipativi delle singole cooperative e di concerto con l’Associazione Nazionale-Ancc, saranno poi indirizzati verso uno specifico intervento di ricostruzione in linea con le esigenze espresse dalle popolazioni colpite e dalle amministrazioni locali.

Più informazioni su