laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Bosso ligure attaccato dalla Cydalima Perspectalis: la situazione

Più informazioni su

GENOVA – A inizio settembre è in programma un incontro in Regione Liguria per valutare la situazione e decidere le azioni da intraprendere per far fronte alla presenza,  in particolare nel levante ligure, della Cydalima perspectalis, nota anche come farfallina o piralide del bosso. Dal Tigullio verso lo spezzino, infatti, sono centinaia gli ettari attaccati e andati persi a causa di questa farfallina di colore prevalentemente bianco o bruno chiaro che, soprattutto nella fase larvale, mangia insaziabilmente foglie, intaccando senza sosta gli arbusti di bosso.

“La Cydalima –come ricorda Valter Raineri referente Arpal per la biodiversità- è arrivata in Europa e in Italia dalla Cina 5 o 6 anni fa probabilmente tramite il trasporto vivaistico ed è una specie aliena invasiva, che ha già infestato ettari di vegetazione con milioni di esemplari.”

La Cydalina, allo stato larvale, è un bruco lungo qualche centimetro, con peli fortunatamente non urticanti, che produce filamenti setosi; segue la formazione della crisalide, inizialmente verdastra; quindi lo sviluppo adulto in forma di farfalla, con apertura alare di 4-5 centimetri. Va sottolineato anche come le piante defogliate e diventate secche rendano più agevole il propagarsi di incendi boschivi.

Va ricordato, inoltre, come sia determinante l’apporto dei cittadini che, con le loro segnalazioni, aiutano ad integrare l’Osservatorio ligure sulla biodiversità consultabile sul sito Arpal e che conta 130.000 record georeferenziati.

Più informazioni su