laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Baglietto ai Saloni nautici di Cannes e Monaco con il 46m Fast e il 54m Unicorn foto

Più informazioni su

LA SPEZIA – Baglietto, storico cantiere spezzino parte del Gruppo Gavio, partecipa ai Saloni nautici europei con due anteprime mondiali: il Baglietto 46m FAST, che inaugura la nuova linea dei FAST del cantiere spezzino, sarà presente al Cannes Yachting Festival (SYE 225) – da oggi all’11 settembre – e al Monaco Yacht Show (E18), in programma dal 28 settembre all’1 ottobre.

I visitatori del Monaco Yacht Show potranno ammirare inoltre “Unicorn”, il nuovo 54m con scafo dislocante, recentemente consegnato ad un armatore europeo. Entrambi gli yacht nascono dalla consolidata collaborazione dei cantieri Baglietto con Francesco Paszkowski Design, che ha curato sia le linee esterne che gli interni dei due progetti, avvalendosi anche del contributo dell’architetto Margherita Casprini per l’interior design, mentre il progetto navale porta la firma dell’ufficio tecnico di Baglietto.

Baglietto 46m Fast_sun deck

Il progetto del nuovo 46m FAST pone grande attenzione agli spazi all’aperto, ampliando la possibilità di contatto con il mare sia in navigazione che all’ancora, per godere così di momenti in compagnia all’aperto. Ispirate alle linee filanti degli yacht plananti in alluminio che hanno contribuito all’affermazione del brand Baglietto in tutto il mondo, le linee esterne del 46m FAST esprimono grande dinamismo grazie a una prua sfuggente e grintosa, contrapposta alla poppa imponente. Elemento di novità delle linee esterne, la forma compatta della sovrastruttura, poco sviluppata in altezza per favorirne la penetrazione aerodinamica. Gli interni del maxiyacht sono contraddistinti da volumi importanti e non comuni in imbarcazioni plananti di queste dimensioni. Toni caldi del legno in palissandro si alternano al più freddo laccato bianco di cielini e pannellature, garantendo agli interni dell’imbarcazione un’atmosfera contemporanea ed elegante. Costruita interamente in alluminio, l’imbarcazione è classificata Lloyd’s Register of Shipping e conforme alle normative internazionali MCA.

Baglietto 46m Fast_Owners'cabin

Nato dalla piattaforma ben collaudata dei 53 metri Baglietto, che vanta nomi di imbarcazioni illustri come Blue Scorpion, Gitana e Baraka, di cui Unicorn è la naturale evoluzione, il nuovo 54m dislocante in acciaio e alluminio di casa Baglietto ripropone gli stilemi riconoscibili della linea dislocante che hanno decretato il successo internazionale del marchio negli anni, e anticipa il restyling delle imbarcazioni dislocanti di 43m, 48m e 55m, attualmente in costruzione presso il cantiere, fino ai progetti di 58m e 62m. Costruito per un armatore europeo, Unicorn prende il nome dalla creatura mitologica, simbolo di purezza e nobiltà, e annovera tra le sue caratteristiche la finestratura della timoneria “rovesciata”, che amplia la visibilità dal ponte di comando, ma concede anche ulteriore spazio al sun deck.

L’intera imbarcazione gioca sul contrasto tra i colori scuri dei rivestimenti verticali di pareti e tappezzerie in velluto e i colori chiari di tutti i rivestimenti orizzontali: dal bianco ottico dei cielini al color crema dei pavimenti in rovere sbiancato e della moquette. Il risultato è un ambiente di grande carattere, classico, elegante e contemporaneo.

I legni in rovere laccato lucido e il velluto grigio argento di tendaggi e divani sono rischiarati dalla luce naturale che proviene dalle grandi finestrature sul main deck, elemento connotante di tutta l’imbarcazione. Spinto da 2 motori Caterpillar 3512C, lo yacht può raggiungere una velocità di 16 nodi ed è certificato dalla massima classe del Lloyd’s Register of Shipping.

Il cantiere spezzino continuerà la stagione nautica all’International Boat Show di Fort Lauderdale (5-9 novembre), presso l’area SuperyachtLife del Sybass, la Superyacht Business Association.

Baglietto 46m Fast_navigation_2

Baglietto – un primato italiano

L’idea del primato ha da sempre ispirato l’attività di Baglietto, sin da quando il suo illustre fondatore decise di intraprendere la costruzione di piccoli scafi nel giardino della propria casa nel lontano 1854. Da allora il marchio è stato in molteplici occasioni sinonimo di innovazione, autentico spirito creativo e genio tecnico, oltre che sostenitore di ricerca e sviluppo.

I recenti piani di rilancio della storica azienda da parte del Gruppo Gavio, che l’ha acquisita nel 2012, vogliono innanzitutto riaffermare il primato di Baglietto, ricollocandolo tra i maggiori cantieri a livello internazionale.

A questo scopo sono stati intrapresi ingenti investimenti, grazie ai quali sono state potenziate le infrastrutture del cantiere, in particolare attraverso la bonifica dell’intero sito produttivo che si estende oggi per 35.000 mq, la realizzazione di due capannoni per la costruzione al coperto di scafi fino a 65 metri e di banchine attrezzate per ospitare yacht fino a 70 metri.

L’attività produttiva del cantiere è attualmente a pieno regime: Baglietto conta oggi su 50 dipendenti e si avvale di maestranze esterne per circa 200 persone.

Al momento attuale, cinque imbarcazioni sono in fase di costruzione all’interno del cantiere: oltre al prototipo delle linea MV19, infatti, si stanno producendo lo scafo del nuovo 55 metri dislocante, un’unità della linea Fast da 43 metri, e due nuovi 48m della linea dislocante.

I progetti già sviluppati sia a livello stilistico che di ingegneria navale dallo studio Paszkowski e dall’ufficio tecnico del cantiere comprendono inoltre un 43 metri dislocante, un 62 metri dislocante ed un 38 Fast.

Più informazioni su