laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’avversaria, Ternana: un rigore per tornare a respirare

Più informazioni su

Reduce dalla vittoria del Liberati contro il Pisa, la squadra del “manager” Benny Carbone si è scrollata di dosso le polemiche dell’ultimo mese.

LA SPEZIA – Può un tiro dagli undici metri scacciare crisi e paure? E’ quello che a Terni si augurano, anche se presente e futuro sono ancora difficili da decifrare.

Dopo il caos societario che ha visto l’avvicendamento del tecnico Panucci – esonerato nonostante la vittoria in Coppa Italia contro il Pordenone – e del D.S. Larini, Patron Longarini ha deciso di affidare la propria squadra a Benny Carbone, affidando all’ex attaccante di Torino e Pavia il doppio ruolo di allenatore – direttore sportivo, in pieno stile inglese.

Non male lo score delle prime due giornate, con le Fere a quota tre dopo l’ultima affermazione casalinga contro il Pisa e la sconfitta sul campo della sorpresa Cittadella.

Domenica, la prova del nove porta il nome dello Spezia, alla ricerca della prima vittoria stagionale: al Liberati le Aquile avranno il proprio bel da fare contro una rosa che può vantare tra le proprie fila giocatori del calibro di Avenatti, Contini, Zanon, Masi – quest’estate sul taccuino del D.S. Fusco – Bacinovic, Coppola e Di Livio, figlio d’arte del “Soldatino” Angelo.

In queste due settimane Mister Carbone ha schierato il proprio undici titolare con un 4-3-2-1 in cui possesso palla e verticalizzazioni sembrano il pane quotidiano.

Obiettivo stagionale una comoda salvezza, esattamente come quella ottenuta dalla gestione Breda 2015 – 2016, terminata con 53 punti.

Andrea Licari

 

Più informazioni su