laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’intervento del sindaco Cavarra all’inaugurazione del nuovo Asilo Nido “Tendola” foto

Più informazioni su

SARZANA – “E’ con grande piacere e soddisfazione che oggi inauguriamo il nuovo Asilo Nido “Tendola”.

Una struttura completamente rinnovata, moderna e confortevole, dove i nostri bambini potranno godere di locali accoglienti e sicuri e di un servizio efficiente e professionale, e soprattutto di una programmazione pedagogica pluriennale e di un team educativo stabile nel tempo.

Una scuola confortevole è condizione essenziale per vivere al meglio l’esperienza educativa.

Solo in una scuola confortevole, infatti, gli insegnanti sono messi nella condizione di educare al meglio i nostri bambini.

Solo in una scuola sicura i genitori possono lasciare serenamente i propri figli.

Ma soprattutto, solo in una scuola efficiente e familiare i nostri bambini possono sviluppare nel modo migliore le proprie attitudini e sensibilità.

E proprio per questo, sin dall’inizio del ns mandato abbiamo voluto impegnarci in modo convinto a sostegno della scuola, partendo innanzitutto dalla sicurezza dei plessi.

Come sapete il nostro Comune non ha mezzi finanziari sufficienti per fare fronte alle tantissime necessità che ogni giorno ci troviamo ad affrontare.

E’ un male che più o meno affligge un po’ tutti gli enti locali, che devono ogni giorno decidere come spendere i pochi soldi a disposizione, stabilendo delle priorità.

Ecco, per noi la scuola, la sicurezza degli edifici scolastici, è una priorità assoluta in cui abbiamo investito ogni risorsa disponibile.

Solo per quest’anno, abbiamo destinato ad interventi mirati di prevenzione e riqualificazione dei plessi 370mila euro.

Una cifra importante, reperita non senza difficoltà, rinunciando ad altri interventi che abbiamo ritenuto meno importanti.

Certo, il rifacimento del controsoffitto di una scuola elementare o la messa a norma dell’impianto elettrico di un asilo nido sono meno eclatanti dell’asfaltatura di una strada, ma sono certamente prioritari per la sicurezza dei nostri bambini e la tranquillità dei loro genitori.

La maggior parte degli interventi di messa in sicurezza sono già stati ultimati, per altri si è lavorato e si sta lavorando ancora in questi giorni.

Un impegno che proseguirà ancora nei prossimi mesi per rendere le nostre scuole non solo più sicure, ma anche più confortevoli ed efficienti.

Obiettivi che abbiamo raggiunto in questo asilo, che prima era pressoché fatiscente e non in grado di fornire un servizio adeguato agli standard educativi, logistici e di sicurezza che abbiamo il dovere di garantire ai cittadini.

Lo strada che abbiamo deciso di percorrere in questo caso, esternalizzando il servizio, è certamente quella giusta, come dimostrano chiaramente i fatti.

E’ un fatto che oggi abbiamo una struttura più moderna, accogliente e sicura, con un numero maggiore di posti letto.

E’ un fatto che la completa messa a norma dell’edificio, ci permette adesso di ottenere dalla Regione quei finanziamenti prima preclusi, che ci consentiranno di migliorare ulteriormente il servizio.

Un servizio che garantisce già oggi una migliore continuità didattica, orari flessibili (prima impossibili) e la possibilità del servizio estivo.

Tutto questo mantenendo il controllo pubblico del Comune, che continuerà a decidere i criteri di ammissione e l’entità delle rette.

Insomma al di là di preconcetti ideologici e timori immotivati, oggi restituiamo alla città e alle famiglie sarzanesi un asilo finalmente sicuro e confortevole, con servizi efficienti e professionali, in grado di rispondere alle giuste aspettative delle famiglie sarzanesi e alle necessità dei loro figli.

Per noi è questo che conta.

Desidero, infine, ringraziare la Cooperativa Coopselios che ha saputo, nonostante i tempi ristretti, rispondere al meglio alle nostre richieste, e che ora è chiamata ad applicare concretamente, nella quotidianità ed in costante collegamento con il Servizio scuola, il progetto pedagogico, e soprattutto il personale educativo comunale, che negli ultimi anni è riuscito, talvolta anche in condizioni problematiche (per l’impossibilità di sostituire colleghe assenti, oltre che per i problemi di manutenzione della struttura), a svolgere comunque un lavoro egregio: ritengo che sia molto positivo anche il fatto che la maggior parte di loro sia andata a rafforzare il gruppo docente della scuola comunale dell’infanzia, che da quest’anno avrà quindi una maggior consistenza numerica ed anche, credo, nuovi stimoli per un’attività – quella dell’insegnamento – che richiede non solo professionalità ma anche capacità empatiche ed un continuo rinnovamento.”

Più informazioni su