laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Piano Casa. Costa: «Il ritiro dell’impugnativa è la dimostrazione della valenza e dell’efficacia del provvedimento»

Più informazioni su

Per il presidente della Commissione Territorio Ambiente la decisione del Consiglio dei ministri dimostra quanto siano strumentali le critiche mosse dall’opposizione consiliare e, rivolgendosi in particolare al gruppo Pd, ribadisce: «Occorre saper distinguere il giudizio politico da quello tecnico. Trovo strumentale che si cerchi sempre da parte della minoranza di utilizzare i giudizi tecnici del governo in battaglie politiche. Un particolare ringraziamento alla sensibilità dimostrata dal ministro Enrico Costa»,

GENOVA – Andrea Costa, presidente della IV Commissione Ambiente-Territorio, esprime soddisfazione per la decisione assunta dal Governo di ritirare l’impugnativa contro la legge regionale sul cosiddetto “Piano Casa”.

«Ritengo importante la scelta compiuta dal Consiglio dei ministri che, sulla base di una valutazione di natura squisitamente tecnica, ha ritenuto di non procedere contro il provvedimento e ringrazio, in particolare, il ministro per gli Affari regionali Enrico Costa che anche in questa occasione ha svolto il proprio ruolo con imparzialità e entrando nel merito della questione». Secondo il presidente Costa questo è il percorso che va seguito nel dialogo istituzionale fra Regione e Governo.

«Non condivido, invece – aggiunge Costa – l’atteggiamento assunto dal Partito democratico che ha usato strumentalmente in chiave politica valutazioni dell’Esecutivo che sono, nell’esame dei provvedimenti regionali, di livello prettamente tecnico».

Il presidente Costa invita, quindi le forze di opposizione, e il Pd in particolare, a tenere distinti i due settori: quello che spetta al dibattito politico e quello tecnico, relativo all’esame delle leggi regionali da parte del Governo.

Continua: «Ritengo che il Piano Casa rappresenti la dimostrazione tangibile che, quando si avviano dei percorsi condivisi, i risultati non mancano e questo credo possa avvenire anche per altri provvedimenti, non ultimo quello sulla legittima difesa, nonostante gli attacchi subiti ingiustamente in questi giorni dal ministro per gli Affari regionali Enrico Costa».

Più informazioni su