laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

L’Associazione Hermes Radio Club dedica al volontario Sandro Trebbi il Centro di Avvistamento Incendi di Carozzo

Più informazioni su

LA SPEZIA – Sabato 17 settembre l’associazione di Protezione Civile Hermes radio Club ha dedicato il Centro Avvistamento Incendi di Carozzo al Volontario Sandro Trebbi tragicamente scomparso lo scorso capodanno dopo aver trovato la casa svaligiata dai ladri, vittima di un malore causa lo shock che gli ha causato un arresto cardiaco. Spiega il Presidente Costantito Centofanti: “la morte improvvisa di Sandro è stato un colpo durissimo per tutti, parenti amici e tutta la nostra squadra. Sandro era un uomo incredibile con un cuore enorme per questo e per il suo impegno a favore del prossimo abbiamo voluto rendergli omaggio. Sandro era un volontario di Protezione Civile ed un AIB, aveva partecipato a tutte le emergenze degli ultimi anni, a partire dall’alluvione del 2011 che ha colpito il nostro territorio fino ad arrivare ai terremoti di Abruzzo ed Emilia. Era una persona unica e aveva tre passioni: il volontariato, la cucina e il disegno”.

campo

“Qui – continua il presidente di Hermes Radio Club – al nostro Campo di Avvistamento Incendi abbiamo trascorso tantissime giornate di servizio AIB, soprattutto nei periodi estivi durante i quali monitoravamo tutto il Golfo pronti ad intervenire sugli incendi e qui abbiamo promosso tante manifestazioni. Per questo abbiamo voluto dedicare questo luogo a lui. Abbiamo poi donato a nome di tutti i volontari dell’Associazione una targa commemorativa ed un mazzo di fiori alla sua compagna Barbara”.

targa

“Inoltre insieme al Comune di Beverino stiamo pensando di organizzare un concorso annuale di disegno, era una delle sue passioni, basato su vignette e caricature sulla Protezione Civile ed Anticendio e destinato ai giovani. Potrebbe essere un modo per ricordare Sandro ma anche per sensibilizzare le nuove generazioni al tema della tutela del territorio, tutela dell’ambiente e verso il Volontariato”, conclude Constantino Centofanti.

Più informazioni su