laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Eurobirdwatching 2016 sulla via dei migratori ad Arcola e Bozi Saudino

Più informazioni su

ARCOLA – Per due giornate, sabato 1 e domenica 2 ottobre, esperti ornitologi e volontari della LiPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) vi racconteranno il fascino della migrazione degli uccelli e tante storie sospese tra terra e cielo. Lungo i sentieri delle nostre oasi o riserve, oppure in uno dei tanti luoghi dove gli uccelli sosteranno, per qualche ora o solo per pochi minuti.
Con in mano un binocolo e un taccuino, avvisteremo e annoteremo i maestosi falchi e gli eleganti aironi, il grazioso pettirosso e i rumorosi fringuelli. Parteciperemo al grande censimento europeo che ci dirà quali specie e quanti volatili saranno in viaggio, durante il weekend, diretti verso Sud in cerca di un posto dove passare l’inverno, che sia il sud dell’Europa o l’Africa.
Tutto ciò si chiama “Eurobirdwatch”: è il più grande evento europeo dedicato al birdwatching. Si svolgerà in Italia e in altri 30 Paesi d’Europa, dove le associazioni partner di BirdLife International organizzeranno visite guidate, eventi, manifestazioni legate alla migrazione e agli uccelli migratori.
Due giornate dedicate agli uccelli, all’incredibile viaggio che percorrono, denso di pericoli eppure così indispensabile per la loro sopravvivenza.Nella provincia spezzina l’evento si terrà pressi l’Oasi LIPU di Arcola e il Parco naturalistico  dei Bozi Saudino di Sarzana, entrambi facenti parte del PARCO NATURALE REGIONALE DI MONTEMARCELLO –MAGRA. Anche quest’anno l’evento avrà il patrocinio del Parco e del comune di Arcola

Come l’anno scorso, l’Eurobirdwatch della Lipu, aperto alla partecipazione di tutti, adulti e ragazzi, darà vita anche al Big Day, una gara ispirata al noto Big Year che si svolge negli Stati Uniti.  Sono previste quattro gare, che premieranno 1) chi osserverà iltorcicollo, una particolare specie di picchio, piuttosto rara ma che con un po’ di fortuna e abilità si può avvistare nei boschi, nei frutteti, nei campi e anche negli spazi aperti in città; 2) una speciemisteriosa”, che sarà rivelata solo a posteriori; 3) il gruppo più numeroso di partecipanti e 4) quello che avrà osservato più specie.

Teatro dell’evento saranno il sistema delle oasi e riserve della Lipu e numerose aree di interesse ornitologico scelte dai volontari delle sezioni: parchi, coste, fiumi e zone umide dove ammirare la garzetta e il falco di palude, pettirossi, fringuelli e luì. In tutto quasi 300 specie, tra nidificanti, erranti o in migrazione. Durante l’eventosarà possibile iscriversi alla Lipu con un’offerta esclusiva per i partecipanti.

PROGRAMMA

Sabato 1 ottobre

Ore 15.00. Sulle vie dei migratori: visita guidata birdwatching per famiglie ed appassionati nel corso della quale i partecipanti verranno coinvolti nel “Censimento europeo degli uccelli migratori” percorrendo i sentieri dell’Oasi

Appuntamento preso il centro visite Oasi LIPU Arcola, area attrezzata di San Genesio

Domenica  2 ottobre

Ore 9.00. Visita guidata birdwatching ai Bozzi di Saudino. Appuntamento presso il parcheggio area ex-Gerardo

(di fronte all’AGRARIA). fine prevista ore 12.00

Ore 12.30 pic-nic autogestito (porta e condividi) presso l’area pic-nic dell’Oasi LIPU Arcola, loc San Genesio

Ore 15.00: mostra fotografica ed escursione su richiesta

Per informazioni e prenotazioni

Cell.: 328.6922829 – mail: oasi.arcola@lipu.itlaspezia@lipu.it

L’EVENTO E’ GRATUITO, sarà comunque possibile iscriversi alla Lipu con un’offerta esclusiva per i partecipanti

Davide Barcellone
Resp. Oasi LIPU Arcola
Paolo Canepa
Delegato Provinciale LIPU La Spezia 

COS’è L’EUROBIRDWATCHING

BIRDWATCHING: TORNA IL “BIG DAY” DELLA LIPU.

TUTTI CON IL NASO ALL’INSU’, SABATO 1 E DOMENICA 2 OTTOBRE, NELLE OASI E RISERVE LIPU E IN ALTRE IMPORTANTI AREE.

Decine di migliaia di persone con gli occhi rivolti al cielo, per assistere alla meraviglia della migrazione e contare gli uccelli. E’ l’Eurobirdwatch 2016, il più importante evento dedicato al birdwatching in Europa, in programma l’1 e il 2 ottobre in 37 paesi europei, organizzato da Birdlife International e in Italia dalla Lipu.

Nella provincia spezzina l’evento si terrà pressi l’Oasi LIPU di Arcola e il Parco naturalistico  dei Bozi Saudino di Sarzana, entrambi facenti parte delPARCO NATURALE REGIONALE DI MONTEMARCELLO-MAGRA

Come l’anno scorso, l’Eurobirdwatch della Lipu, aperto alla partecipazione di tutti, adulti e ragazzi, darà vita anche al Big Day, una gara ispirata al notoBig Year che si svolge negli Stati Uniti.  Sono previste quattro gare, che premieranno 1) chi osserverà il torcicollo, una particolare specie di picchio, piuttosto rara ma che con un po’ di fortuna e abilità si può avvistare nei boschi, nei frutteti, nei campi e anche negli spazi aperti in città; 2) unaspeciemisteriosa”, che sarà rivelata solo a posteriori; 3) il gruppo più numeroso di partecipanti e 4) quello che avrà osservato più specie.

Teatro dell’evento saranno il sistema delle oasi e riserve della Lipu e numerose aree di interesse ornitologico scelte dai volontari delle sezioni: parchi, coste, fiumi e zone umide dove ammirare la garzetta e il falco di palude, pettirossi, fringuelli e luì. In tutto quasi 300 specie, tra nidificanti, erranti o in migrazione. Durante l’evento sarà possibile iscriversi alla Lipu con un’offerta esclusiva per i partecipanti.

Ma l’Eurobirdwatch non è solo sfida e divertimento. Come ogni anno, i dati raccolti dalla Lipu e dagli altri Paesi europei partecipanti all’Eurobirdwatch saranno trasmessi a BirdLife Svizzera che coordina l’edizione 2016. Ne scaturirà una grande “fotografia” europea della migrazione degli uccelli selvatici, nel momento clou del loro ritorno verso le aree di svernamento del Mediterraneo e africane invernali. Un modo per conoscere meglio le abitudini dei migratori e offrire loro una protezione ancora più efficace.

“L’Eurobirdwatch – dichiara Danilo Selvaggi, direttore generale della Lipu – è un grande evento europeo che offre un contributo tecnico alla conoscenza della migrazione ma rappresenta anche una bellissima occasione di birdwatching collettivo, di coinvolgimento delle persone, di promozione del birdwatching come attività avvincente. Detto con tutto il rispetto, c’è chi cerca i pokemon virtuali e chi invece crede nello spettacolo concreto della natura, che mai smetterà di sorprendere e di affascinare, specie se la trattiamo bene”.

Più informazioni su