laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Aperto l’antico percorso che attraversa la cinta muraria nel centro storico di Levanto foto

Più informazioni su

LEVANTO – Il ricco patrimonio sentieristico di Levanto (80 chilometri che innervano l’intera vallata) si arricchisce di un nuovo percorso proprio nel cuore del centro storico più antico: la collina della Madonna della Costa, che, con la Torre dell’orologio e la cinta muraria che scende dal castello, costituisce il primo insediamento sul mare del paese rivierasco.

Il Comune di Levanto ha infatti praticamente portato a termine (mancano alcune rifiniture ma l’opera sarà inaugurata e fruibile domenica 9 ottobre nel corso del “De Gustibs Tour”) il collegamento pedonale che da piazza Staglieno raggiunge l’oratorio di San Giacomo Apostolo attraverso due scalinate medievali (il “Purtegùn”, che collega la piazza a via Guani, e la scalinata della Madonna della Costa, che da via Guani porta appunto all’oratorio) e poi entra negli Orti di San Giacomo, attraversa le mura nel varco originario posto alla base della Torre dell’orologio e scendendo la nuova scala in metallo realizzata nell’ambito del progetto di recupero in atto si immette sul sentiero che costeggia la cinta muraria fino a raggiungere la Porta dell’Acqua, in località Prealba.

Per realizzare l’opera sono stati necessari tre interventi: il primo, realizzato lo scorso anno e anch’esso presentato durante il “De Gustibus Tour”, ha riguardato la riqualificazione degli Orti di San Giacomo dal sagrato dell’oratorio fino alla Torre dell’orologio; il secondo (in corso di completamento) ha portato all’installazione della scalinata nel varco nelle mura che ne consente l’attraversamento e la discesa sul sentiero sottostante; il terzo (anch’esso in fase di ultimazione) incentrato sulla manutenzione ordinaria della scalinata della Madonna della Costa. Quest’ultimo, in particolare, è stato realizzato da volontari coadiuvati da personale del Comune e ha consentito di riportare alla luce le volte originarie in mattoni del tunnel che sale da via Guani verso l’oratorio.

“Gli interventi – spiega il sindaco, Ilario Agata, che sta puntando con decisione sulla riqualificazione dei percorsi del centro storico levantese per renderli fruibili anche a fini turistici – fanno parte di un’idea complessiva di valorizzazione del consistente patrimonio storico che si estende su una vasta area del centro e che si trova in buone condizioni di conservazione ma che fino ad oggi, anche per motivi logistici, non è stato reso fruibile ai visitatori. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è mettere in rete tutte queste testimonianze del nostro passato, dai monumenti pubblici ai palazzi privati, rendendole accessibili e promuovendone la conoscenza anche attraverso le più moderne tecnologie informatiche. L’entusiastica partecipazione dei volontari alla manutenzione della scalinata della Madonna della costa è una dimostrazione di quanto la stragrande maggioranza dei levantesi tenga al proprio paese e voglia renderlo sempre più gradevole da vivere e attrattivo per gli ospiti. Mi auguro che, ora che anche le sgradevoli scritte sui muri di quella zona sono state cancellate, quei pochi disturbatori che si divertono ad imbrattare il paese comincino a passare il tempo in modi più proficui. Da parte nostra continueremo a potenziare la vigilanza nel centro storico con tutti i mezzi necessari a scoraggiare eventuali vandalismi”.

Anche per questo l’ingresso agli Orti di San Giacomo è regolamentato da un orario: dal 1° novembre al 31 marzo sarà aperto al pubblico ogni giorno dalle 9 alle 18; dal 1° aprile al 31 ottobre sempre ogni giorno ma dalle 9 alle 21.

Più informazioni su