laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Cresco Award. Due progetti del Comune della Spezia premiato all’Assemblea nazionale di Anci a Bari

Più informazioni su

LA SPEZIA – Sono due i progetti del Comune della Spezia premiati nell’ambito del Cresco Award Città Sostenibili alla 18^ Assemblea nazionale di ANCI (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani) tenutasi a Bari nei giorni scorsi.

Si tratta del Progetto P.E.R.C.OR.S.I.. Acronimo di “Progettare Esperienze e Ricorse Culturali Orientate a Sviluppare Innovazione”, che si è aggiudicato il primo premio nella categoria progetti di sostenibilità economica e del Progetto “Piattaforma Terre incolte” che ha ricevuto Premio Impresa “Imprenditorialità ed occupabilità giovanile”.

A presentare questa mattina, nel corso di una conferenza stampa, i prestigiosi riconoscimenti ottenuti dall’ente l’assessore alle politiche giovanile Alice Parodi e l’assessore alla sostenibilità ambientale Laura Ruocco. Con loro il personale del Comune che ha lavorato ai progetti: David Virgilio, Chiara Bianchi, Giovanna Varese per il Progetto P.E.R.C.OR.S.I; Daniele Virgilio, Dario Campagnolo e l’Ufficio Piano Urbanistico per il Progetto “Piattaforma Terre incolte”.

Il CRESCO AWARD Città Sostenibili è il riconoscimento promosso da Fondazione Sodalitas, l’organizzazione italiana di riferimento per la Sostenibilità d’Impresa, insieme con ANCI per riconoscere l’impegno dei Comuni italiani a promuovere in modo diffuso lo sviluppo sostenibile dei territori.

Hanno partecipato a CRESCO AWARD 340 Comuni in cui abitano complessivamente oltre 12 milioni di persone. Il Cresco Award è stato assegnato a 6 Comuni, premiati in tema di sostenibilità su 3 categorie. Per ogni categoria sono stati premiati 2 Comuni, uno sotto i 50 mila abitanti e uno sopra. P.E.R.C.OR.S.I.. ha fatto vincere alla Spezia il premio nella categoria sostenibilità economica.

Nell’ambito del CRESCO AWARD, inoltre, sono stati assegnati 10 Premi Impresa istituiti da altrettante aziende leader di mercato che hanno scelto di sostenere l’iniziativa per affermare la centralità dell’alleanza Impresa-Territorio. Alla Spezia è andato quello di UNICREDIT.

Finalità principale di P.E.R.C.OR.S.I. è stata la promozione di azioni di sviluppo sostenibile e valorizzazione turistica e culturale del territorio tramite la creazione di nuove imprese e servizi, coinvolgendo oltre 100 giovani di età compresa tra i 16 e i 35 anni. Nel corso di un anno, attraverso quattro diverse fasi, i gruppi di lavoro hanno direttamente partecipato ad un vero e proprio processo di progettazione di idee d’impresa o servizio, fino a giungere alla selezione delle 5 migliori proposte, che sono state premiate a fine Giugno 2016 con la distribuzione di un montepremi complessivo di € 20.000,00. Capofila del progetto è il Comune della Spezia in partenariato con La Spezia EPS, CNR – ISSIRFA, Istituto Superiore Einaudi-Chiodo, AGESCI, CNGEI e l’Associazione di Promozione Sociale YEPP Italia, con la partecipazione in rete esterna di altre associazioni quali il Programma di intervento a contrasto delle diseguaglianze e delle povertà, Slow Food e Associazione Mediterraneo.

P.E.R.C.OR.S.I., dopo aver ottenuto il finanziamento nell’ambito del Programma di Azione “MeetYoungCities: Social innovation e partecipazione per i giovani dei Comuni italiani” promosso da Agenzia Nazionale per i Giovani, ANCI e Fondazione Istituto per la Finanza Locale con l’obiettivo di sostenere iniziative progettuali promosse da un Comune iscritto all’Osservatorio ANCI sulla Smart City, oggi ha quindi conquistato anche il prestigioso Cresco Award.

Il Progetto “Piattaforma Terre incolte” è contenuto nel masterplan “La Spezia 20.20”. Aderente all’Osservatorio ANCI sulla Smart City, La Spezia ha infatti avviato un processo di trasformazione in chiave Smart di sviluppo e programmazione strategica. Dai lavori del tavolo “Environment”, in modo particolare riguardo al tema della prevenzione e del monitoraggio dei rischi idro-geomorfologici, è emersa l’esigenza di una specifica attività di recupero terre incolte. Il mantenimento in coltura dei terreni a vocazione agricola e la gestione dei soprassuoli boschivi rappresentano infatti forme di presidio ambientale che contribuiscono attivamente alla prevenzione del dissesto.

Il progetto premiato intende supportare questo processo con una piattaforma informatica che renda disponibili e condivida dati, informazioni, conoscenza e che dia visibilità e supporto commerciale (e-commerce, gestione ordini, web-marketing) alle attività economiche che operano sul territorio interessato dal progetto di recupero. Obiettivo principale: rafforzare il recupero delle terre incolte attraverso il coinvolgimento dei cittadini per migliorare e reimpiegare il soprassuolo agricolo e boschivo ai fini della mitigazione del rischio idrogeologico. La piattaforma è stata ideata da Giovanni Cortelezzi, della società Servizi informtici srl, che ha partecipato ai lavori del tavolo Enviroment.

Più informazioni su