laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Al via domani la cinque giorni alla riscoperta della Spezia del Quattrocento

Più informazioni su

609 anni degli Statuti della Communitas Spediae. 

LA SPEZIA – Apre domani, mercoledì 26 ottobre, Spezia in festa. 609 anni della Communitas Spediae”, la cinque giorni organizzata dal Comune della Spezia per celebrare la ricorrenza della concessione degli Statuti alla riscoperta della nostra storia e della nostra memoria civica. Visite guidate, conferenze, presentazione di libri, musica, spettacoli, trekking urbano, food, laboratori per bambini animeranno l’evento tra storia, cultura e divertimento.

Si parte domani, mercoledì 26 ottobre, giorno in cui gli Statuti compiono 609 anni, alle 17 con l’inaugurazione presso il Museo diocesano e etnografico dell’esposizione “Gli Statuti del 1407”. Gli esemplari provenienti dall’Archivio Storico Comunale resteranno in mostra fino a domenica.

A seguire, alle 17.30, si terrà la conferenza “La Spezia nel Quattrocento attraverso gli Statuti”. Lo storico Diego Del Prato, introdotto dall’editrice Irene Giacchè, presenterà in anteprima il suo lavoro di studio su questi documenti, che verrà raccolto in una prossima pubblicazione.

Giovedì 27 ottobre alle 17 all’angolo tra via Prione e via Carpenino, sopra il tratto di mura  ancora presente, si terrà l’apposizione di una targa a cura del Soroptimist Club La Spezia che riproduce la cartografia di Matteo Vinzoni relativa alla città murata e, alle 19, il concerto a cura del Conservatorio di musica G.Puccini presso il Museo Diocesano ed Etnografico.

Alle 16 di giovedì partono i percorsi alla riscoperta della città del Quattrocento, accompagnati da musica e rappresentazioni teatrali a cura di Roberto Alinghieri. Giovani attori, musicisti e cantanti si alterneranno alla spiegazione storica leggendo alcuni estratti degli Statuti e suonando o cantando brani musicali coevi al fine di ricreare atmosfere perdute nei luoghi simbolo della Spezia dell’epoca. La partenza dell’itinerario in programma per giovedì è da Porta della Marina (piazza Mentana). Si visiteranno, in successione, via Sapri, piazza della Cittadella e vie adiacenti, la Loggia dei Banchi con il portico del ‘Cangiaso’, la zona di via Biassa con la chiesa di Santa Maria e i resti murari quattrocenteschi. L’itinerario si chiude a porta Santa Maria con l’oratorio di san Bernardino (attuale Museo Diocesano ed Etnografico) e le pertinenze murarie del castello di San Giorgio con merenda medievale al Parco delle Clarisse- Orti di San Giorgio a cura de Il Poggio Orto Bar (Durata circa  1 – 1,30 h). Info e prenotazioni: Museo Lia 0187731100.

Più informazioni su