laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Buon Compleanno Museo Lia

Più informazioni su

Domani, sabato 3 dicembre, festa per il ventennale con Andrea G. De Marchi e Marco Paolini. 

LA SPEZIA – Il Museo Civico Amedeo Lia della Spezia compie vent’anni.

L’appuntamento per augurare buon compleanno al Museo Lia è per domani, sabato 3 dicembre, a partire dalle 16. La giornata, che è organizzata con il fondamentale contributo di Crédit Agricole Carispezia, prevede l’intervento di apertura del Sindaco della Spezia Massimo Federici, il saluto della Direttrice dei Servizi Culturali Marzia Ratti e del Direttore del Museo Andrea Marmori.

A seguire alcuni ospiti di eccezione: Andrea G. De Marchi, autore con Federico Zeri del catalogo dei Dipinti del Museo, che condurrà in un viaggio alla scoperta della Collezione d’arte e dei suoi tesori, e Marco Paolini che reciterà alcuni brani tratti dalla Vita di Pontormo scritta da Vasari, di fronte all’Autoritratto dell’inquieto pittore, tra i capolavori del Museo. In conclusione, il Conservatorio “Giacomo Puccini” della Spezia omaggerà il Museo Lia con l’Ensemble di sassofoni, che proporrà musiche di Berlioz, Shostakovich, Haendel.

L’Amministrazione Comunale celebra così quel momento così significativo per La Spezia insieme alla famiglia Lia, che, per l’occasione, mette a disposizione importanti opere della propria Collezione privata, eccezionalmente esposte al Museo, tra cui tele di Renoir, De Pisis, Utrillo, che resteranno visibili per tutte le feste natalizie, fino all’8 gennaio.

Il 6 giugno del 1995 il notaio Leonardo Milone di Roma redige l’atto di donazione unilaterale a favore del Comune della Spezia, con il quale Amedeo Lia assegna alla sua città d’adozione la preziosa raccolta d’arte, oltre mille opere tra dipinti, sculture, miniature e oggetti. Nell’atto di donazione Amedeo Lia afferma di aver maturato tale decisione, in quanto il suo desiderio è “che il patrimonio artistico oggetto della donazione […] che è stato parte ed è parte della sua vita sia gelosamente custodito dalla città della Spezia in un museo da istituire, e possa costituire un nucleo che rappresenti uno stimolo per una raccolta d’arte sempre più prestigiosa ed un luogo d’incontro per una vita culturale sempre più intensa”, così come anticipato nell’atto di donazione. E ancora “l’ingegnere Amedeo Lia premette di essere stato indotto alla donazione unilaterale oggetto di quest’atto – le cui valutazioni sono state condivise dai suoi familiari – dall’affetto che nutre nei confronti della Spezia, sua città adottiva, dalla risposta entusiasta e culturalmente positiva alla sua iniziativa da parte degli attuali rappresentanti della stessa città e dall’intento di offrire un contributo culturale allo sviluppo della città”.Il 3 dicembre del 1996 il Museo Civico “Amedeo Lia” ha aperto al pubblico, nella centralissima via Prione, mettendo a disposizione della Città e della comunità, un patrimonio collezionistico fino ad allora privato e dunque di difficile consultazione.

Più informazioni su