laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Gli avversari – Perugia: freschi e sani, come un cioccolatino da scartare

Più informazioni su

La gioventù guidata dal trentanovenne Bucchi, dopo una partenza no, ha scalato la classifica sino a raggiungere la quinta posizione. Dopo 13 anni di peregrinazioni, gli umbri sono pronti a tornare nel calcio che conta. 

LA SPEZIA – Quattro punti in cinque partite, fischi, critiche e allenatore già in bilico, ma poi la svolta contro la Spal: dal 26 settembre, il campionato del Perugia ha decisamente cambiato rotta.

Dalla vittoria contro gli estensi, infatti, gli uomini di Bucchi hanno raccolto una sola sconfitta, a fronte di sette vittorie e cinque pareggi, di cui l’ultimo agganciato al 90′ in casa della capolista Verona.

Un filotto di risultati che, dopo 18 giornate di campionato, vogliono dire quinto posto in classifica a quota 29, a meno tre dal secondo posto occupato dal Benevento.

Ambiziosa, dal carattere spiccatamente offensivo, la squadra della città del cioccolato è senza dubbio iscritta tra le candidate al grande salto in A, palcoscenico che manca ormai dalla stagione 2003 – 2004.

Schierata in campo con il 4-3-3, la giovane rosa di Bucchi – 24 anni la media – ha visto scendere dal 1′ nell’ultimo, vittorioso, turno contro la Pro Vercelli Rosati in porta, Belmonte, Volta, Mancini e Di Chiara in difesa, Brighi, il classe ’97 Zebli e Dezi sulla mediana, Nicastro, Di Carmine e Guberti davanti, autori di 14 dei 23 gol messi a segno in totale.

Attenzione, però, anche alla panchina di lusso degli umbri, composta, tra gli altri, da giocatori del calibro di Acampora, Bianchi e Monaco.

Arrivati al giro di boa in piena zona play off, i grifoni non possono più deludere le aspettative dei propri caldi supporter, in attesa da troppo tempo di tornare a ricevere un bacio di prima scelta.

Andrea Licari

 

Più informazioni su