laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Botti di capodanno, accolte dall’Amministrazione le richieste del Gruppo Consiliare “Sinistra Unita per il Socialismo europeo”

Più informazioni su

LA SPEZIA – L’utilizzo indiscriminato di petardi e fuochi artificiali in occasione delle festività natalizie o di fine anno è causa di una serie di incidenti che spesso hanno ricadute negative non solo sulle persone, specialmente minori ma anche sugli animali e sull’ambiente che ci circonda, quali danni fisici ai cittadini, inquinamento ambientale, incendi boschivi, danni alla vegetazione in ambito urbano, decessi per crepacuore di animali selvatici e fughe di quelli domestici che così provocano o restano vittime di incidenti stradali.

Quali misure possono mettere in atto le Pubbliche Amministrazioni per avversare o attenuare gli effetti negativi di tale pratica?

La sola ordinanza di divieto a tutela della pubblica incolumità, (tra l’altro i Regolamenti comunali spezzini già vietano l’utilizzo indiscriminato dei fuochi di artificio), così come è stato fatto in altre città, difficilmente risulta pienamente applicabile sia per l’esiguità del personale e dei mezzi a disposizione delle forze dell’ordine sia per la vastità del territorio da controllare sia per le dimensioni quantitative del fenomeno dei botti.Per questi motivi, il  Gruppo Consiliare,  ritenendo preferibile concentrare le risorse delle forze dell’ordine  per la prevenzione e per la  repressione del fenomeno, in modo di fare rispettare rigorosamente la normativa legislativa, che già vieta e sancisce pesantemente la vendita, l’acquisto e l’uso improprio di fuochi d’artificio, ha presentato una apposita Interpellanza, condivisa successivamente da diverse associazioni ambientaliste del territorio e illustrata durante la seduta del  Consiglio Comunale del 15 dicembre c.a. in cui si chiedeva all’Amministrazione, a similitudine di quanto già avvenuto  in altre città italiane, di predisporre una campagna di sensibilizzazione  con appositi manifesti  finalizzata ad un maggior rispetto per i cittadini, gli animali e l’ambiente, in modo da avversare anche culturalmente questa deleteria abitudine, inoltre, sempre con l’Interpellanza si chiedeva all’Amministrazione di provvedere all’affissione “Avvisi Pubblici” con i quali si rende noto le disposizioni di legge, comprese le sanzioni, che regolamentano la materia.

La risposta dell’amministrazione è stata ampiamente positiva, non solo ha soddisfatto le richieste contenute nel documento, di fatto accogliendo e facendo proprie le motivazioni alla base sia della campagna di sensibilizzazione con i manifesti sia dell’affissione degli “Avvisi Pubblici” ma si è dichiarata anche disponibile, in una positiva ottica di collaborazione con le associazioni a fornire il Patrocinio del comune all’iniziativa. Il Gruppo Consiliare certo che tra le Istituzioni e i cittadini debba essere consolidata ogni forma di collaborazione e partecipazione, non può che esprimere piena soddisfazione per quanto politicamente si è realizzato.

Ringraziamo pertanto sia le associazioni che hanno ancora una volta dimostrata responsabilità e senso civico nella ricerca di soluzioni “realizzabili”, sia l’Amministrazione e i suoi uffici  che ha condiviso con noi la necessità di dotare la nostra comunità di un ulteriore elemento di crescita civica sia per quanto riguarda la partecipazione dei cittadini alle scelte pubbliche che per il  rafforzamento e un maggior rispetto per l’etica ambientale.

Roberto Luciano Masia
Sinistra Unita per il Socialismo europeo

Più informazioni su