laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Raddoppio ferroviario e la tratta Andora-San Lorenzo. Vaccarezza: “Un raddoppio a metà”

Più informazioni su

GENOVA – «Ho partecipato al viaggio della tratta Andora-San Lorenzo, un evento che ha segnato un punto importante, che vede finalmente compiuto il primo pezzo del raddoppio ferroviario, ma che non è ancora sufficiente: siamo in attesa della prosecuzione dell’opera che deve arrivare sino a Finale Ligure affinché sia terminato un progetto che da troppi anni è in attesa di vedere la completa realizzazione: così com’è, è come un albero di Natale senza gli addobbi». È questo il commento del Capogruppo di Forza Italia in Regione Liguria, Angelo Vaccarezza sul raddoppio ferroviario. Al viaggio inaugurale che si è svolto lo scorso 11 dicembre erano presenti le autorità nazionali e liguri, come il Sottosegretario ai Trasporti Riccardo Nencini, il Presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, gli assessori regionali Marco Scajola e Gianni Berrino e il sindaco di Andora Mauro Demichelis. Il convoglio è partito alle 11 dalla stazione di Andora per giungere a Imperia alle 11.20. Secondo Vaccarezza l’infrastruttura deve andare avanti perché altrimenti sarà solo un servizio a metà: se l’inaugurazione della tratto ferroviario ha certamente lanciato verso il futuro il trasporto ligure su ferro, sono ancora tanti i nodi da risolvere. «È necessario il raddoppio e lo spostamento a monte della tratta Andora-Finale Ligure – continua Vaccarezza – la situazione attuale resta in stallo e continua a creare un imbuto. La città di Loano, Comune che ho amministrato per molti anni, ha l’infelice primato di contare ben sette passaggi a livello. Significa che i quasi dodicimila abitanti, passano svariate ore seduti in macchina in attesa che si alzino le sbarre, ma non solo: in questo modo si impedisce il passaggio ai nuovi treni». Sono proprio le infrastrutture di cui la Liguria ha bisogno a essere un punto fermo nell’agenda di questa amministrazione regionale e per lo spostamento a monte della tratta Andora-Finale Ligure, serve un miliardo e mezzo di Euro. «È una vicenda che conosco bene – spiega ancora il Presidente del Gruppo consiliare – l’ho seguita da sindaco a Loano, da Presidente della Provincia di Savona e continuo a seguirla ora. La Liguria merita che quest’opera venga conclusa poiché le ricadute sul territorio sarebbero molte, in termini di tempo guadagnato e turismo implementato da un adeguato sistema di trasporto ferroviario: l’impegno della Regione c’è, attendiamo quello del Governo che deve stanziare le risorse per portare a compimento il raddoppio di cui il territorio ha bisogno» conclude Angelo Vaccarezza.

Più informazioni su