laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Antonio Carro (CISL): «Le aree dell’ENEL devono rimanere industriali»

Più informazioni su

Per Carro, segretario generale della Cisl spezzina, questa mattina al Consiglio Generale del sindacato tenuto alla presenza del segretario regionale Antonio Graniero:  “Si tratta di uno dei temi più importanti  per il futuro della città insieme al porto, al turismo e al comparto difesa”.

LA SPEZIA – Si è tenuto questa mattina presso la sala riunioni della Cassa Edile della Spezia in via Taviani il Consiglio Generale della Cisl con la partecipazione del segretario generale regionale Antonio Graniero.  L’appuntamento ha aperto ufficialmente il percorso del 18° congresso provinciale della Cisl della Spezia che si svolgerà dal  13 al 14 marzo prossimi e che culminerà con il rinnovo delle cariche della segreteria provinciale  e di quella confederale  oltre a quelle di tutte le federazioni con i rispettivi consigli direttivi,

“I temi di fondo della nostra realtà sono legati al lavoro – ha detto Antonio Carro, segretario generale provinciale – siamo una provincia dove si contano 10 mila persone in cerca di occupazione e dove il tasso di povertà cresce drammaticamente”. I piani su cui agire sono molteplici. “Partiamo dalle aree Enel che devono rimanere a vocazione industriale legandole magari al tema delle green economy e della green energy. Per quanto riguarda il turismo è necessaria ormai una regia unica che permette di capitalizzare al massimo le risorse garantendo un’offerta che sappia incidere ancora di più. Non dimentichiamoci poi le infrastrutture: determinante è finire la ferrovia Pontremolese per unirci al Nord Italia e il Piano regolatore portuale. Sul fronte sanità una svolta sarà data dall’edificazione del nuovo ospedale”.

consiglio-generale-2016

Con l’appuntamento di oggi prosegue il percorso iniziato nel  mese di dicembre con la celebrazione dei  congressi nei posti di lavoro che proseguiranno anche nel prossimo gennaio per l’elezione dei delegati che parteciperanno al congresso provinciale.

“Il nostro sindacato conta 22 mila iscritti e questa per noi è una grande soddisfazione con gli importanti incrementi i raggiunti  nelle categorie del commercio e del turismo oltreché dei trasporti e del pubblico impiego  come dimostrano anche le recenti elezioni delle Rsu”.
Così Graniero, segretario regionale. “E’ tempo di tornare a parlare di reddito e retribuzione – ha detto- che cosa si può fare con stipendi che sono così  bassi?. E’ necessario che il sindacati punti anche sulla contrattazione territoriale e soprattutto nella nostra regione non dimentichi che il numero dei lavoratori  viene eroso ogni anno dalla cifra di  quello di quelli che un lavoro non  lo hanno o che sono scoraggiati. Bisogna intervenire per evitare che questo sia l’inizio di un declino inarrestabile”.

Più informazioni su