laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Istituti Comprensivi, totale contrarietà dei sindacati per il piano di dimensionamento

Più informazioni su

LA SPEZIA – In relazione al piano di dimensionamento discusso in sede regionale e che riguarda per la quasi totalità il Comune della Spezia, le organizzazioni sindacali comparto scuola CGIL, CISL, UIL, SNALS e GILDA,  insieme all’Associazione Nazionale Presidi, esprimono ancora una volta, per la sola parte riguardante gli Istituti Comprensivi, la loro totale contrarietà al suddetto piano predisposto dal Comune, deliberato dalla Provincia e consegnato alla Regione.

Il parere negativo è stato più volte espresso nelle sedi istituzionali opportunamente convocate alla presenza del Sindaco della Spezia, nonché Presidente della Provincia, dell’Assessore alla Cultura e del Dirigente dei servizi educativi, oltre che in audizione alla Commissione Cultura, dove fu letto e consegnato un apposito documento. Tale documento metteva in evidenza in particolare:

  1. la necessità di un dimensionamento che travalicasse i confini comunali in un’ottica di una stabilità provinciale delle istituzioni scolastiche;
  2. la riduzione del 25% gli istituti comprensivi del Comune, oltre alla negativa ricaduta occupazionale, avrebbe creato ulteriori disagi specialmente nei quartieri più problematici già vessati da problemi di integrazione;
  3. un ulteriore depauperamento delle periferie, con il conseguente sovraffollamento dell’istituto di Piazza Verdi, che come sola componente di scuola Media diventerebbe di per sé una scuola mediamente dimensionata;
  4. grave situazione di perdita di organici del personale docente ed ATA, inserita in un contesto di crisi economica e di lavoro nazionale;

In alternativa al piano presentato dal Comune, fu suggerita una minimale proposta che prevedeva l’accorpamento dell’ISA 3 (Via Napoli) con Isa 9 (Portovenere già sottodimensionata) e con Dirigenza a La Spezia. Tale soluzione avrebbe comportato una minore perdita di posti di lavoro e, insistendo su comuni diversi, non avrebbe intralciato in alcun modo un futuro piano di dimensionamento a carattere provinciale.

Più informazioni su