laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Piazza Verdi, polemiche e fischi dei contestatori fanno ritardare il concerto di Restani

Più informazioni su

LA SPEZIA – La inaugurazione della nuova Piazza Verdi ha visto come protagonisti i contestatori. Una cinquantina di persone muniti di cartelli e fischietti, composti da militanti dei 5 Stelle e dal consigliere comunale Giulio Guerri, sonoramente hanno fatto ritardare la cerimonia di fronte a una piazza gremita da numerosi spezzini (si parla di 2mila persone) attirati dalla curiosità dell’evento. Sul palco allestito dal Comune ha fatto dapprima la sua comparsa il Vescovo Luigi Ernesto Palletti che a fatica è riuscito a benedire la piazza, visto l’assordante chiasso portato avanti dallo sparuto gruppo di contestatori. Anzi il Vescovo ha anche risposto ai contestatori, visto che uno di loro aveva urlato: “Chi ci pensa ai poveri?” E di rimando monsignor Palletti: “Ai poveri ci pensa la Caritas”. ma la contestazione sonora è proseguita dopo l’esibizione dei ragazzi della Pellico guidati dall’insegnante Lorenzo Cimino.

Ma la contestazione è proseguita quando è salito sul palco il maestro Paolo Restani, che di fronte ai fischi ha abbandonato il palco. A questo punto l’organizzatore Leonardo Pischedda ha tentato di convincere il gruppetto dei contestatori a rispettare il silenzio. Ha ricevuto gli applausi. Ma non è finita qui, in quanto i contestatori hanno chiesto a Federici “di farsi vedere”.

Il primo cittadino è comparso sul palco affermando: “Sono a disposizione dei vostri fischi e della vostra legittima contestazione”, ricevendo una bordata di fischi e anche applausi. Alla fine è tornato il silenzio e il maestro Restani ha potuto iniziare l’atteso concerto.

Più informazioni su