laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Memorie dell’Accademia (LXXXIV): Giovanni Giudici, i versi e la vita

Più informazioni su

LA SPEZIA – L’Accademia Lunigianese di Scienze «Giovanni Capellini» informa che in data 12 gennaio c.a., alle ore 17, presso il Salone Sforza dell’Accademia, in via XX settembre 148, alla Spezia, sarà presentato al pubblico il volume LXXXIV delle Memorie dell’Accademia interamente dedicato alla giornata di studi, svoltasi il 13 settembre 2013, in memoria del poeta Giovanni Giudici, della sua opera e della sua vita.

Il libro, curato dai professori Paola Polito e Antonio Zollino, sarà introdotto dal professor Carlo Ossola, insigne critico letterario, attualmente docente al Collège de France di Parigi, titolare della cattedra di Letterature moderne dell’Europa neolatina, condirettore delle riviste «Lettere Italiane» e «Rivista di Storia e Letteratura Religiosa», socio dell’Accademia dei Lincei e membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana. Interverrà anche l’assessore alla cultura del Comune della Spezia, Luca Basile.

Giovanni Giudici nacque a Le Grazie e portò sempre con sé i ricordi e le immagini di questa sua terra, dove volle ritornare dopo un lungo peregrinare professionale. Egli è annoverato fra i più significativi poeti della seconda metà del Novecento, come dimostra la pubblicazione delle sue opere nella prestigiosa collana de «I meridiani», nei tipi della casa editrice Mondadori. Giudici conobbe i più importanti intellettuali della sua epoca, con cui strinse importanti amicizie ed ebbe feconde frequentazioni. Il volume edito dall’Accademia presenta, a tal proposito, un ampio corredo fotografico, fornito dalla famiglia, che ben illustra la vita e i rapporti del poeta.

Il volume si presenta sicuramente come una pietra miliare nello studio dell’opera di Giovanni Giudici, del quale i diversi contributi hanno analizzato la vita, le diverse opere poetiche e narrative, l’uso della lingua e del dialetto, lo stile letterario, le collaborazioni alle riviste e ai quotidiani e tanto altro ancora.

Questa pubblicazione dell’Accademia Capellini, risultato di anni di lavoro e di ricerche da parte dei curatori, si colloca fra le opere più importanti recentemente pubblicate nelle sue collane, per l’alto contributo scientifico degli interventi collazionati, in gran parte costituiti da scritti di docenti provenienti da diversi atenei italiani e stranieri.

Il Presidente dell’Accademia Capellini invita il gentile pubblico a intervenire numeroso e ringrazia quanti vorranno arricchire la propria biblioteca con questo volume, per il quale è stato profuso tanto impegno e studio.

Più informazioni su