laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Come sconfiggere l’incubo chili extra dopo le feste: ecco la ricetta del biologo nutrizionista Adolfo Fossataro

Più informazioni su

LA SPEZIA – Dopo il cenone di Natale e i super pasti in famiglia consumati nelle feste appena concluse, tanti spezzini cercano di smaltire i chili di troppo, spesso senza riuscirci. Abbiamo chiesto a un noto biologo nutrizionista spezzino, il dottor Adolfo Fossataro, specialista in Scienza dell’Alimentazione e referente provinciale Aidap (Associazione italiana disturbi dell’alimentazione e del peso) nonché membro della Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU) (dello studio di via 24 Maggio fa parte la dietista dottoressa Stefania Rosi), la ricetta per smaltire i chili in eccesso accumulati nelle ore trascorse a tavola in occasione delle feste.

«Dopo gli eccessi alimentari tipici del periodo delle vacanze natalizie – spiega il dottor Fossataro – occorre aiutare il nostro organismo a liberarsi degli eventuali chili di troppo e a ripristinare la normale funzionalità dei suoi organi emuntori, cioè quelli deputati allo smaltimento di scorie e tossine come fegato, reni e intestino».

Molti saltano i pasti credendo di perdere più velocemente il peso.
«E’ importante evitare di saltare i pasti – spiega il dottor Fossataro – e di sottoporsi a regimi alimentari eccessivamente restrittivi o non equilibrati allo scopo di ritornare più velocemente in forma, ma che spesso possono creare ulteriori squilibri e non dimostrarsi particolarmente utili».

Quali, dunque, i consigli da seguire per dimagrire?
«I consigli generali sono quelli di seguire una dieta che preveda tre pasti principali a colazione, a pranzo e a cena, uno spuntino a metà mattina e una merenda a metà pomeriggio. Questa suddivisione dei pasti aiuta non soltanto a prevenire eventuali attacchi di fame, ma soprattutto ad evitare scompensi metabolici che indurrebbero un ulteriore accumulo di grasso corporeo».

Quali sono i cibi da preferire?
«Frutta e verdure di stagione, pesce, carni bianche, legumi, cereali, meglio se integrali. E poi occorre bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno, anche utilizzando tè verde o tisane, ma senza l’aggiunta di zucchero».

E quelli da evitare?
«Sicuramente dolci, fritture, cibi troppo elaborati, bevande dolci gassate ed alcolici».

Lo sport non deve mai mancare?
«Naturalmente, come in ogni periodo dell’anno, l’attività fisica – osserva il biologo nutrizionista – dovrebbe essere parte del nostro stile di vita. Se non è possibile fare sport, è importante cercare di muoversi a piedi: almeno trenta minuti di camminata al giorno aiuta a controllare il peso e a prevenire molte patologie metaboliche. Il mio ultimo consiglio è quello di evitare di seguire le diete del momento ma, in caso di dubbi, ricorrere all’aiuto del nutrizionista per evitare di sottoporre l’organismo ad ulteriori stress».

Più informazioni su